Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'iniziativa il 09 Settembre 2019
di C.d.G.

LO CHEF DEL MESE - Siamo a Roma, al Moma, una delle nuove stelle del panorama gastronomico italiano. La cucina dello chef è molto creativa, ma valorizza sempre le produzioni locali e quelle dei piccoli produttori. A pranzo si trasforma in bistrot


(Andrea Pasqualucci)

di Annalucia Galeone

A Roma, in via San Basilio, vicinissimo all'ambasciata americana ha sede il Moma, la nuova scoperta della guida Michelin. 

La stella è stata una bellissima sorpresa, è arrivata quando non era cercata. Il Moma è un ristorante unico nel suo genere, il progetto è nato quindici anni fa per volontà dei fratelli Franco e Gastone Pierini, l'obiettivo era creare un luogo accogliente ed elegante con una proposta gastronomica curata che abbracciasse tutto l’arco della giornata nella capitale. Oggi è diventato un punto di riferimento.


(Franco Pierini, Andrea Pasqualucci e Gastone Pierini)

“L'apparenza è ingannevole, esternamente può sembrare un bar - si legge nella rossa - se a pranzo si propone una cucina easy seppur sempre di qualità, alle 18 va in scena l'aperitivo, mentre la sera l'asticella si alza e tutta l'attenzione si concentrata sulla cura dei piatti”. Le due anime del locale si alternano nel corso della giornata: una bistrot veloce e gustosa, l'altra gourmand più sofisticata, elegante e ricercata. Ognuna ha una sua guida, due proposte culinarie differenti e due cucine separate. Franco Pierini è chef del bistrot. Il servizio al bar accompagna la clientela per tutto il giorno, sin dal mattino. Caffè e tè naturali, spremute, centrifughe e frutta fresca, cornetti, biscotti e muffin oltre a un delizioso assortimento di sandwich espressi. La pasticceria, dolce e salata, è  preparata in casa. 


(La sala)

Andrea Pasqualucci, classe '89, è resident chef del ristorante dal 2017. E' originario di Ostia, ha i piedi ben piantati a terra, con caparbietà è riuscito ad affermarsi e a maturare tante esperienze nonostante la giovane età. Dopo il diploma all'alberghiero ha lavorato con Armando De Giorgi, suo mentore, con Giuseppe Di Iorio da Aroma, all’Hotel Aldrovandi con Oliver Glowig e alla Madonnina del Pescatore con Moreno Cedroni. “Mi piace creare un piatto – racconta lo chef - come fosse un modellino da pitturare in tutti i suoi dettagli: gli ingredienti giusti come fossero i colori giusti. Può sembrare semplice comporre un piatto dal sapore equilibrato, con pochi ingredienti, ma è la cosa più difficile, per me è la massima espressione”. 


(Lo staff in sala)

Andrea è sicuro di sè, la cucina è creativa, di gusto, valorizza i prodotti del territorio e i piccoli produttori, arriccia il naso alle sperimentazioni e alle tecniche estreme, strizza l'occhio alla tradizione, i piatti dei ricordi sono una fonte inesauribile d'ispirazione. Modifica la consistenza dell'ingrediente senza lavorarlo troppo e stravolgerlo. Ama i tagli poveri, il quinto quarto e il pesce azzurro, al momento l'attenzione è focalizzata sulle muggini, tracine e volpine. Ad affiancarlo in cucina c'è Federico Cucchiarelli. Il servizio del pranzo offre una doppia proposta, la carta e un menu degustazione di tre portate “Uguale per tutti”, pensato per una clientela business con poco tempo a disposizione ma esigente. A cena oltre la carta, sono disponibili due menù degustazione: “Il cibo è memoria” quattro portate a 75 euro e “Passeggiata sul litorale” sei portate a 95 euro. L'ambiente è minimalista, si sviluppa su due livelli, al piano terra domina  il grande e invitante banco bar, sulla sinistra, c'è la scala che conduce gli ospiti al ristorante. I coperti sono 30. I colori sono tenui dal nocciola, al mogano all’ecrù. Federico Silvi è il sommelier. La carta vini è ampia, 180 etichette, italiane, internazionali e tante produzioni artigianali di piccoli vignaioli.

Moma Ristorante
Via di San Basilio, 42/43 - Roma
T. 06 42011798
Orari di apertura: 12,30–15; 19,30–24
Chiuso: domenica
Ferie: variabili
Parcheggio: no

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

1) Crocchetta di stoccafisso e crema di capperi

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search