Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 10 Settembre2015

L'ipotesi di reato è frode nell'esercizio del commercio

I Carabinieri del Nas di Udine hanno eseguito perquisizioni su disposizione della Procura in 17 aziende del Friuli e fuori regione produttrici di Sauvignon.

Secondo quanto si è appreso, i carabinieri sospettano che in queste aziende sia stato impiegato un esaltatore di aromi non previsto dal disciplinare di produzione di vini Doc. La sostanza non è dannosa per la salute. L'ipotesi di reato per il quale è stato aperto un fascicolo in Procura è frode nell'esercizio del commercio.

Le 17 aziende vitivinicole perquisite sono sparse tra le province di Udine e Gorizia e (soltanto due) fuori regione. Nel corso della produzione sarebbe stato aggiunto un esaltatore del sapore che non proviene dalla spremitura dell’uva, bensì da operazioni di tipo chimico. Una sorta di aroma “aggiuntivo” che comunque non risulta in alcun modo dannoso alla salute dell’uomo.

A rifornire le aziende finite nel mirino della Procura sarebbe stato un chimico friulano che produceva e vendeva loro la sostanza proibita. Sono state proprio le segnalazioni di alcuni viticoltori che di quella sostanza non hanno mai voluto fare uso a mettere sul chi va là gli investigatori, segnalando loro i suoi traffici. A quanto appreso, tra le 17 aziende sottoposte a perquisizione e presenti nelle zone del Collio e dei Colli orientali del Friuli, figurano anche i nomi di etichette molto note e con un vasto mercato commerciale. Per tutti, chimico compreso, l’ipotesi di reato contestata è il concorso in frode nell’esercizio del commercio.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Caterina Ceraudo

Ristorante Dattilo

Crotone

4) Olio e vino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search