Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 19 Luglio 2019
di C.d.G.


(ph Vincenzo Ganci)

Una rapida lettura alla carta dei vini, scorriamo tutti i nomi delle etichette. Poi ci ricordiamo che siamo in due. Una bottiglia ci sembra esagerata. 

Non ne facciamo solo una questione economica. Ma in due, una bottiglia non riusciamo a berla. Optiamo per il vino al calice. Allora scorriamo di nuovo la carta. Non tutti i ristoranti mettono a disposizione la loro cantina di vini da servire al calice. Spesso troviamo, nella migliore delle ipotesi, una dozzina di bottiglie. Evitiamo magari di prendere "il vino della casa". Quello magari solo se ci troviamo in qualche agriturismo sperduto. Per il resto, ci intriga un vino. Fatto. Scelto. Lo diciamo al cameriere. E via, ecco che arriva il nostro calice con il vino già dentro. Ma attenzione. Questo è un grave errore commesso. Che viene fatto da quasi tutti i ristoratori. Non è mancanza di fiducia, per carità. Ma anche il servizio del vino al calice necessita di poche semplici regole. Tra l'altro oltre la metà del vino servito nei ristoranti è di quello al calice.

1 - La bottiglia va sempre portata al tavolo del cliente. Anche se aperta. La regola del servizio, poi, segue quella normale. Quindi etichetta rigorosamente rivolta al cliente, che può spulciare le informazioni che ritiene utili.

2 - Anche nel caso di bottiglia chiusa, si procede come sopra. La bottiglia va portata al cliente e aperta sotto il suo sguardo vigile. Attenzione alla capsula. Si taglia sempre sotto la baga per evitare che residui di alluminio della capsula possano finire nel vino stesso.

3 - Il vino va fatto assaggiare a qualcuno del tavolo. A prescindere che sia uomo o donna. Poi, anche per il servizio al calice, si procede alla destra di chi assaggia e fino a completare chi ha ordinato quel vino specifico.

4 - Attenzione alle bollicine! Anche per il servziio al calice il servizio va fatto al tavolo. E facciamo saltare il tappo solo durante i compleanni tra amici. Un gesto che fa disperdere molta anidride carbonica necessaria per apprezzare al meglio le bollicine. 

5 - Occhio al rabbocco. Il cliente vuole un altro calice di vino? Beh, se ne chiede uno diverso, calice pulito (asettico e inodore). Se invece è lo stesso vino, ma di una nuova bottiglia, (dopo essersi assicurati che non presenta difetti), non va mai rabboccato in un calice mezzo vuoto. 

6 - Temperature di servizio. Anche il vino al calice segue le classiche regole: bianchi tra 6 e 8 gradi, rossi tra 14 e 18 gradi.

7 - Sbalzi termici. I vini che vengono serviti al calice vanno spesso in frigo. Evitate allora che stiano troppo a temperature diverse. Il massimo sarebbe conservarli in una cantinetta.

C.d.G.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

1) Crocchetta di stoccafisso e crema di capperi

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search