Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 04 Dicembre2013

E' stata paragonata alla fillossera se non peggio.

Il mal dell'esca, una delle malattie del tronco della vite causata da funghi  che mette in apprensione la maggior parte dei produttori di vino e fa spendere loro ingenti somme, è la piaga attualmente più diffusa. Ha persino superato l'ampissimo raggio della fillossera, il "male incurabile" venuto da oltreoceano che ha distrutto le viticoltura europea dalla seconda metà dell''800 in poi. 

Ad averlo confermato è stato Richard Smart, viticoltore australiano consulente per tantissime aziende vinicole nel mondo, conosciuto per avere messo a punto tecniche per la gestione della chioma. Alla terza edizione dell'International Sparkling Wine Symposium, che si è aperto ieri e si conclude oggi al Denbies Wine Estate nel Surrey, ha mostrato al pubblico la portata della nuova piaga che compromette il sistema vascolare della vite e che trova "terreno fertile" in aree viticole caratterizzate da alti tassi di umidità. Il proliferare della fitopatia è legato al commercio dei vivaisti che ignari diffondono piante già infette. Ma a contribuire, per Smart "è anche il fatto che tale malattia è stata presa un po' "sotto gamba". Non è scattato quell'allarme che invece esplose per la fillossera e che ha portato a trovare nel minor tempo possibile una soluzione, individuata poi nell'uso della vite americana". Perché il mal dell'esca agisce uccidendo la pianta più lentamente, agisce in sordina. Con il risutlato che ancora non vi è, come sostiene Smart "nessun rimedio efficace", il quale l'ha definita "una malattia ancora fuori controllo" che sta mettendo a dura prova le cantine e intere aree viticole d'Europa. Come la Borgogna interessata da un calo importante della produzione nelle ultime annate anche a causa di questi funghi favoriti dal cambiamento climatico, passando da una media di 1,5 milioni di ettolitri a 1,2. Proprio ieri produttori e coltivatori si sono riuniti per vagliare la possibilità di un aumento degli impianti.

Francesca Landolina

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Paolo Barrale

Aria Restaurant

Napoli

4) Vino e percoche

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search