Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 16 Maggio 2019
di C.d.G.


(Fabio Costantino)

di Francesca Landolina

“Il futuro dell’Etna? Allargamento della Doc, costituzione di una Docg… si parla di troppe cose. Certo entreranno in produzione diversi nuovi ettari vitati, ma bisogna capirne l’impatto comunicativo, produttivo, economico e commerciale. La mia idea è questa: dopo che si stabilizzerà la produzione, si potrà ragionare sugli effettivi bisogni di nuovi impianti o meno e sulle zone realmente valide. Non parta una corsa all’oro. Sono d’accordo sul coltivare dentro la Doc, nei limiti produttivi. Si dia, tuttavia, più valore ai terreni, perché è più importante del valore della bottiglia”. 

Questo è il parere di Fabio Costantino, patron della cantina Terra Costantino, nel comune di Viagrande in provincia di Catania, che abbiamo intervistato in merito al dibattito aperto sul futuro dell’Etna del vino. “Al momento stiamo a guardare quello che accade. Ma dobbiamo fare crescere il valore dei terreni. Il pericolo da scongiurare è quello di bruciare l’Etna. Chi compra fuori dalla Doc è liberissimo di fare, ma tutto questo non sia una forzatura. Sì agli investimenti, no alle speculazioni. La differenza è sostanziale: chi investe crede in un territorio, chi specula vuole solo guadagni”. 

E la promozione? Altro tema da affrontare: “Per quanto riguarda l’evento Contrade dell’Etna, l’unico al momento, penso che l’ultima edizione sia in linea con le precedenti e credo che pagare un contributo spese sia stato giusto. Si paga per tutto, perché non per Contrade? Magari migliorerei qualcosa. Per esempio, dal punto di vista della logistica, non farei degustare su un prato umido. La pioggia quest’anno ha sprigionato troppe note vegetali che disturbano la degustazione. Si dovrebbe trovare un’alternativa, pensando alla possibilità che piova. Trovo anche che organizzare la manifestazione in due giornate sia stato un bene. Ma per il futuro proporrei di rendere Contrade un evento itinerante, per permettere di far conoscere più versanti dell’Etna. Contrade è un evento che ha la fisionomia della festa, vera e propria e secondo me deve rimanere tale”. 

“Penso - aggiunge Costantino - che il Consorzio potrebbe organizzare un secondo evento istituzionale. Lascerei Contrade dell’Etna così com’è: un po’ ruspante. L’evento istituzionale invece si potrebbe tenere in un periodo diverso e potrebbe assumere una veste più formale, con un taglio più professionale. Oggi il Consorzio ha la maturità per farlo. Novembre potrebbe essere un buon periodo”.  Ed ancora: “C’è tanto da fare per promuovere, ma comincerei con la realizzazione di mappe delle contrade e di plastici in rilievo che ci aiutino a comunicare al meglio cosa è l’Etna. Sono positivo, perché ne parliamo e ci stiamo attrezzando. Il futuro è roseo, solo se continuiamo ad avere forza e volontà, anche per organizzare la nostra partecipazione, tutti insieme, al Vinitaly ed anche a ProWein e a Vinexpo”.

LEGGI QUI L'INTERVISTA A CIRO BIONDI 

LEGGI QUI L'INTERVISTA A GIUSEPPE MANNINO

LEGGI QUI L'INTERVISTA A FRANCESCO CAMBRIA

LEGGI QUI L'INTERVISTA A FRANK CORNELISSEN 

LEGGI QUI L'INTERVISTA A MARCO NICOLOSI 

LEGGI QUI L'INTERVISTA A GIUSEPPE RUSSO  

LEGGI QUI L'INTERVISTA A MICHELE FARO


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

2) Gnocchi ripieni di baccalà mantecato, gamberi e spugnole

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search