Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 28 Maggio 2019
di C.d.G.


(Michele Scammacca del Murgo)

di Veronica Laguardia

Uniti nella promozione del territorio e maggiori sforzi per migliorare la qualità dei vini. Sì all’ampliamento della Doc, ma solo sul versante sud ovest. E poi più gradualità nel gestire un successo troppo rapido. Che può rivelarsi un boomerang. 

Questo è in sintesi il pensiero sul futuro dell’Etna di Michele Scammacca del Murgo proprietario di Cantine Murgo sul versante est del vulcano a Santa Venerina in provincia di Catania. Scammacca del Murgo è stato uno dei primi a scommettere sul vino, puntando anche sui metodo classico. La conversazione parte subito da Contrade, edizione 2019. “L’organizzazione di Contrade affidata al Consorzio? Mi rimetto alla decisione di Andrea Franchetti, detentore del marchio, ideatore dell’evento e persona che apprezzo e stimo. L’importante è che sia un evento di coesione come è sempre stato Contrade” dice Scammacca del Murgo e sottolinea la necessità di mantenere lo spirito di aggregazione: “Franchetti nella sua generosità finanziava l’evento e di conseguenza partecipavano un po’ tutti. Quest’anno si è richiesto un contributo, alcune aziende più piccole non hanno partecipato e lo posso capire, ma bisognerebbe dare l’opportunità a tutti, trovando formule diverse, meno care, per coinvolgere il maggior numero di aziende”. Sulla possibilità che il Consorzio organizzi altri eventi e sulla necessità di promozione ha una proposta: “Non disperderei le energie, piuttosto mi concentrerei sugli eventi che ci sono già. Tanti sono gli eventi marginali a cui non sempre è possibile partecipare con le tante cose da fare. Dunque il Consorzio potrebbe occuparsi di assicurare la presenza e promuovere il territorio nel suo complesso”.

L’Etna oggi è un po’ da considerarsi la ciliegina sulla torta della Sicilia del vino. Per tale ragione abbiamo voluto ascoltare la visione di chi come, Michele Scammacca, ha vissuto in prima persona questo “risveglio”: “Da quindici anni a questa parte le cose sono molto cambiate, prima non era facile vendere il nostro vino, oggi invece tutti lo cercano. L’attenzione verso l’Etna ci fa sicuramente piacere e ci facilita nella vendita, ma c’è anche un aspetto “negativo” in questa popolarità: il successo dell’Etna del vino è stato troppo rapido, è mancata un’evoluzione graduale che potesse creare delle basi ancora più solide. L’Etna oggi deve ancora crescere culturalmente. Per alcuni il successo è quello economico di riuscire a vendere il vino a prezzi interessanti, ma non è questo che consolida verso il futuro. Bisognerebbe prestare più attenzione al miglioramento di molti aspetti tecnici del vino e, soprattutto, al lavoro nel vigneto. Il nerello mascalese è molto eterogeneo dal punto di vista genetico, ci sono ancora tante cose da scoprire del nostro terroir, c’è ancora tanto su cui lavorare”. Scammacca del Murgo poi dice la sua sull’ipotesi di allargare la Doc. “Sono contrario all’allargamento in altezza, perché il nerello mascalese non matura bene oltre una certa quota. Ma sono favorevole all’idea di includere nella Doc Etna la parte sud-ovest, la zona di Adrano, non c’è motivo di escluderla, anzi, è una zona storicamente importante”.

Scammacca continua: ”L’Etna del vino se vuole fare dei passi avanti, dovrebbe rimanere una zona piccola, da valorizzare nel suo insieme e non secondo una logica individualista. Altresì bisogna cercare di fare vini che rispettino il territorio e che soprattutto ne esprimano il vero legame, vini che rispecchino veramente la nostra storia e che la sappiano raccontare”.

LEGGI QUI L'INTERVISTA A FABIO COSTANTINO 

LEGGI QUI L'INTERVISTA A CIRO BIONDI

LEGGI QUI L'INTERVISTA A GIUSEPPE MANNINO

LEGGI QUI L'INTERVISTA A FRANCESCO CAMBRIA

LEGGI QUI L'INTERVISTA A FRANK CORNELISSEN 

LEGGI QUI L'INTERVISTA A MARCO NICOLOSI 

LEGGI QUI L'INTERVISTA A GIUSEPPE RUSSO  

LEGGI QUI L'INTERVISTA A MICHELE FARO


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

1) Insalata d'amare

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search