Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 17 Aprile2013

Mettiamo che un produttore voglia vendere ad un privato che sta in un altro stato una cassa di vino dal valore di 50 euro, con la normativa attuale, che regola la vendita a distanza all’interno della comunità europea, quella cassa di vino arriva a costare all’acquirente praticamente il doppio della cifra.

Ecco quanto pesa l’articolo 36 della direttiva comunitaria 2008/118 che obbliga l’accisa sul vino acquistato per uso personale in un altro Paese dell’Ue.  Una norma che violerebbe il principio di libera circolazione delle merci tanto decantata dalla costituzione europea. E proprio su questo articolo battaglia la Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti dal novembre del 2012, presando Bruxelles per il freno che di fatto si mette al commercio con la pesante ricaduta, anzi pesantissima in questo periodo di crisi, sui piccoli produttori. Dinnanzi ad un mercato del vino segnato dalle dinamiche di calo di consumo interno e di ricerca quasi spasmodica di sbocchi all’estero, citando come esempio quello italiano ma è una condizione condivisa da altri Paesi europei, i costi delle accise che vanno ad aggiungersi ad altri costi, come quelli del trasporto, diventano insostenibili per le cantine e per il consumatore. Ritorna sempre lo stesso problema, anche in questo ambito che dovrebbe essere quello più vivace in termini di compra vendita: le barriere della burocrazia. Infatti, la direttiva obbliga il produttore a dovere passare, per vendere il vino al privato, da un rappresentante fiscale a cui è demandato il compito di provvedere alla trafila del pagamento dell’accisa, un passaggio che così fa schizzare in alto il costo della bottiglia. Se il wine lover era così intenzionato a godersi il vino di un altro territorio lontano dal suo si ritrova nelle condizioni di rinunciarvi, o comunque di acquistare, sicuramente, con meno frequenza. L’incidenza di questi paletti sarebbe inoltre sproporzionata rispetto  al peso della vendtia stessa, che, secondo i limiti previsti dalla direttiva, vede commercializzabili 90 litri al massimo per il vino e 60 per lo spumante. Insomma la direttiva incriminata contrasterebbe con la tendenza degli acquisti fatti direttamente presso il produttore, in aumento in quest'ultimo periodo.

La richiesta di modifica avanzata dalla Fivi, e diramata in Italia e in Europa nei mesi scorsi attraverso un  Dossier Burocrazia, e successivamente portata all’attenzione della Commissione dalla Confederazione Europea dei Vignaioli Indipendenti, è stata inserita nell’agenda della Taxud, la Direzione Generale Fiscalità e unione doganale della Commissione europea, se ne discuterà fra poche settimane. Costantino Charrere, presidente della Fivi, colui che personalmente ha portato sotto i riflettori  e all’attenzione del Mipaaf  e dell’agenzia delle dogane il caso, chiede una risoluzione d’urgenza. “Questo articolo è un attentato al libero transito delle merci – ci dice al telefono -. Abbiamo cercato di fare un’azione nei confronti della direzione generale delle dogane a Roma al fine di sensibilizzare i rappresentanti italiani che andranno alla riunione. Il nostro timore è che queste decisioni sono prese nel Nord Europa dove non necessariamente sono interessati da questo problema dato che non sono Paesi produttori di vino”. La paura per Charrere è quindi che la questione possa passare in secondo piano ed essere dimenticata. Ma a sostenere la causa c’è il membro della Commissione all’Agricoltura  Giancarlo Scottà che ha presentato una interrogazione parlamentare dove denuncia i danni che può causare l'articolo 36 per le piccole aziende e l’impatto sull’enoturismo e quindi sull'economia del territorio. Intanto dalla Francia si solleva anche la voce del direttore generale della Fiv che riunisce 6mila vignaioli, Jean-Jaques Jarjanette, sollecita la semplificazione delle regole, che variano da uno Stato membro all’altro, e delle procedure. E infatti tra le proposte presentate a Bruxelles vi è quella di creare un sistema informatico che consenta il monitoraggio più facile della transazione e un iter più snello del pagamento dell’accisa e del rimborso.

M.L.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Patrizia Girardi

Amastuola Wine Resort

Crispiano (Ta)

4) Anche l'occhio vuole la sua parte

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search