Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 16 Maggio 2020
di Giorgio Vaiana

L'ufficialità arriverà a breve, con la pubblicazione del nuovo decreto del presidente del consiglio dei ministri.

Ma alla fine vincono i ristoratori e il buon senso. Bocciate quasi in toto le linee guida che erano state proposte dall'Inali per ristoranti, bar e pizzerie. La riunione tra i presidenti delle regioni e il premier Giuseppe Conte ha indirizzato la scelta del governo verso le proposte fatte dal presidente dell'Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, che erano state ritenute un buon compromesso per tutti. Non ci saranno distanze assurde fra i tavoli, niente plexiglass, via le responsabilità penali dei ristoratori in caso di contagi. Le distanze fra i tavoli erano quelle che avevano fatto discutere di più. Al posto dei due metri fra tavoli e commensali, appena un metro (banconi compresi), anche meno nel caso si usino separatori, i commensali siano conviventi o congiunti. In assenza di controlli, è il cliente stesso a essere responsabilizzato in materia. Nessun obbligo, ma la facoltà di misurare la febbre, vietando l’accesso a chi superi i 37,5 gradi, e la messa a disposizione di colonnine con prodotti igienizzanti disseminate per il locale e in prossimità dei bagni, da igienizzare anch’essi a più riprese. La lista dei prenotati dovrà essere conservata per 2 settimane, a fini di tracciabilità. Da privilegiare in ogni caso la pratica della prenotazione e l’utilizzo di spazi esterni. Non ci saranno mai più i buffet. Le casse andranno protette con barriere o i cassieri con mascherine; privilegiati i pagamenti con carta. Nel caso di locali privi di sedute gli ingressi dovranno essere contingentati.

Il personale di sala sarà tenuto a indossare la mascherina e igienizzare le mani prima di ogni servizio al tavolo, a differenza delle norme previste inizialmente da Bonaccini. Anche i clienti dovranno indossare la mascherina in tutti i momenti in cui non saranno seduti al tavolo, come quando si recano alla toilette o alla cassa. Capitolo condizionatori, vietata la funzione del ricircolo dell’aria. I menu dovranno essere digitali, con consultazione sul cellulare, plastificati a fine di sanificazione dopo ogni utilizzo o cartacei usa e getta. Dopo ogni pasto il tavolo e le suppellettili andranno igienizzati, evitando l’uso di contenitori riutilizzabili come saliere e oliere.

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Zaccardi

Pashà Ristorante

Conversano (Ba)

3) Animelle, fagiolini e tartufo

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search