Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 15 Aprile 2014
di C.d.G.


Umberto Seretti

Dall'export, ormai fondamentale salvagente per affrontare il presente, all'assenza di sistema che metta insieme imprese, territori e istituzioni e che rappresenta una opportunità mancata.

Con qualche indicatore che fa ben sperare per il comparto. Tutto questo emerge da una intervista a Umberto Seretti, direttore generale di Banca Nuova, tra gli istituti di credito che più stanno scommettendo sull'agroalimentare.
 
Come sta il settore vinicolo italiano?
"Il settore vitivinicolo italiano sta bene grazie all’export. Dagli ultimi dati pervenuti dall’ufficio studi della nostra Capogruppo Banca Popolare di Vicenza, emerge il seguente quadro: oltre il 50% della produzione nazionale va all’estero. Per la prima volta nel 2013 le esportazioni di vino hanno superato i 5 miliardi di euro. Abbiamo il primato negli Usa e In Germania. Ciò significa che abbiamo ancora da fare in altri paesi importanti, dove comunque stiamo crescendo. Un occhio di riguardo merita il far east con la Cina ed il Giappone in testa".
 
E la Sicilia?
"La Sicilia nel 2013 registra un importante incremento nella produzione di vini e mosti che passano da 5.1 a 6 milioni di ettolitri. Anche da noi vengono premiate le aziende che cercano sbocchi oltre confine. Quest’anno esprimiamo due eccellenze al Vinitaly con le premiazioni della ragusana Francesca Curto “donna del vino” e di Flora Mondello che riceve la Gran Medaglia di Can Grande. Flora è un fulgido esempio di giovane imprenditrice con la valigia in cerca di nuovi mercati esteri".
 
Passiamo all’olio. Stato di salute?
"Il tradizionale settore dell’olio siciliano conta 470 aziende dedite principalmente alla produzione dell’olio di oliva di qualità. Le esportazioni registrano un lieve calo nel 2013 del 3,9%, legato al forte rallentamento della domanda dei paesi comunitari (-21,9% con in testa Francia e Regno Unito) non completamente bilanciato da buoni incrementi dei paesi extra-Ue".

Quanto pesa l'assenza di sistema?
"L’assenza di sistema è un problema regionale e nazionale. Forse si sente di più da noi. Bisogna insistere per attivare circuiti consortili e vendere all’estero il “territorio”.
 
L'accesso al credito è aiutato dalla qualità dei prodotti?
"Per chi produce prodotti di qualità e li riesce a vendere, l’accesso al credito non è mai mancato. Noi abbiamo operatori e prodotti dedicati a tutta la filiera agroalimentare, in particolar modo, le nostre strutture dedicate assistono e danno consulenza alle aziende che sono proiettate in un percorso di crescita e di sviluppo strutturale attraverso l'utilizzo dei fondi comunitari (PSR - Piano Sviluppo Rurale, OCM Vino - Organizzazione Comune di Mercato del vino). Infatti oltre il 40% dei produttori di vino della Sicilia Occidentale è affezionato cliente di Banca Nuova".
 
Pensa che le banche possano avere un ruolo importante per il rilancio dell'agricoltura?
"Il ruolo delle banche può essere determinante per il rilancio del settore agricolo, ma non è sufficiente. Ci vuole una corretta propensione al rischio da parte dei giovani imprenditori e la giusta attenzione al settore da parte delle istituzioni. In momenti di crisi, la filiera agroalimentare rappresenta una grande opportunità per la Sicilia. Un enorme patrimonio da mettere velocemente a reddito per creare posti di lavoro e rimettere in moto un volano di sviluppo e benessere".

Faccia qualche esempio.
"Pensiamo a settori relativamente di nicchia come l’ortofrutta di Catania che occupa 180 imprese e che vede l’export volare al +22,3% rispetto al precedente esercizio, nonché l’agricoltura della Sicilia meridionale con 149 imprese che coltivano cereali ed ortaggi e vede la quota export in crescita del 10,3%. In quest’ultima nicchia tutte le imprese sono clienti di Banca Nuova, a conferma della nostra attenzione all’economia reale dei nostri territori ed ai suoi operatori".
 

Fra. S.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Ciro Scamardella

Pipero

Roma

1) Raviolo di cavolfiore, vaniglia e capasanta

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search