Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 05 Maggio 2011
di Redazione

Bollicine regali. Anzichè limitarsi al gin prima dei pasti, la regina ed il principe Filippo si reinventano produttori di vino.

Spumante in stile champagne per la precisione, come quello di Chapel Down nel Kent con il quale hanno brindato alle nozze del nipote William con Kate Middleton pochi giorni fa. La prossima settimana, 16.700 piantine di vite verranno piantate al Windsor Great Park, l'ex tenuta di caccia alla quale la regina Vittoria ed il principe Alberto erano tanto affezionati. La regina coltiverà chardonnay, pinot nero e pinot meunier, i vitigni utilizzati per lo spumante 'metodo champenois' ovvero in tutto e per tutto identico allo champagne. E forse persino più buono: complici il surriscaldamento globale ed un terreno molto simile a quello dello Champagne, del Sancerre e dello Chablis, nel sud dell'Inghilterra sono sempre di più le persone che si danno al vino, con ottimi risultati soprattutto nei frizzanti, che non necessitano uve molto mature. Il principe Filippo sarebbe coinvolto molto da vicino nel progetto, supervisionato da Stephen Skelton, un consulente che nel 1976 ha piantato le prime viti a Chapel Down, il primo e ora maggiore produttore del Regno. Per i viticoltori britannici il sostegno della sovrana è un sogno da non credere.
«È semplicemente la maggiore spinta che l'industria inglese del vino abbia mai avuto, è fantastico», ha detto Bob Lindo di Camel Valley. Che il settore vinicolo inglese sia in crescita non c'è dubbio, basta dare un'occhiata ai numeri: se nel 1990 l'Inghilterra aveva soltanto 56 ettari di vigneti, nel 2007 gli ettari erano diventati 267 e nel 2010 ben 550. «Ci sono stati molti investimenti, soprattutto nel vino frizzante», ha detto Julia Trustram Eve di English Wine Producers, aggiungendo: «Nel 2009 circa la metà del raccolto totale di uva era destinato alla produzione di un vino frizzante di qualche genere». Per brindare con un bicchiere di Chateau Windsor bisognerà tuttavia aspettare qualche tempo. Un vigneto impiega tre anni a produrre uva da vino e uno spumante stile champagne necessita di almeno un anno di maturazione. Forse il vino di casa sarà pronto in tempo per il matrimonio del principe Harry?


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

1) Crocchetta di stoccafisso e crema di capperi

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search