Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 27 Luglio 2020
di Giorgio Vaiana
Christian Marchesini e Andrea Sartori

Christian Marchesini sarebbe in pole position per la presidenza del Consorzio del Valpolicella.

Marchesini - veronese, 45enne, perito agrario - appartiene a una delle famiglie storiche della Valpolicella classica con 50 ettari di vigneto. Ha ricoperto la carica di presidente del Consorzio della Valpolicella nel triennio 2014/17. Domani l'assemblea dei soci procederà al rinnovo del consiglio di amministrazione del Consorzio della Valpolicella dopo un triennio di presidenza di Andrea Sartori. Verrà approvato anche il bilancio 2019. I consiglieri in scadenza sono Roberta Corrà (Giv), Umberto Pasqua (Pasqua Vigneti e Cantine), Marco Speri (Speri viticoltori) e Marcello Vaona (Cantina Novaia). Entro la settimana successiva il nuovo cda provvederà a designare il nuovo presidente.

Perché proprio Marchesini? Secondo alcuni addetti ai lavori vicini al Consorzio, serve un presidente con forte capacità di guida che possa terminare l'ottimo lavoro impostato da Sartori. Quest'ultimo ha governato il Consorzio in un periodo di eccezionale difficoltà, anche di tipo giudiziario: per esempio, ha tenuto le redini della vicenda che oppone il consorzio alle Famiglie dell'Amarone. Con due gradi di giudizio vinti: ora il verdetto finale è nelle mani della Cassazione. Sartori e il Cda uscente hanno inoltre fatto digerire ai soci un doppio taglio delle rese, una strizzata delle cernite e il blocco dei nuovi impianti. Sia pure dopo una forte espansione degli ettari e uno scivolone dell'export di Amarone. Oggi la febbre dell'Amarone è rientrata, ma è passata al Valpolicella: prezzi in caduta di circa il 30% nell'ultimo anno e un boom delle giacenze. Secondo gli osservatori, Marchesini avrebbe quel coraggio necessario per attenuare le divergenze tra gli stessi associati e le eterne due anime del consorzio: produttori privati e cooperative. Inoltre andrebbero adottate ulteriori misure per guidare produzione, giacenze e prezzi. E rimettere in carreggiata il Valpolicella.

 

Emanuele Scarci


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search