Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 08 Giugno2020

C’entra il Covid-19. E l’udienza fissata il 28 maggio scorso per dirimere una questione cruciale per il vino siciliano è stata rinviata a data da destinarsi.

Il Consiglio di Stato, organo di appello dei Tar, doveva discutere e decidere sul contenzioso che divide Duca di Salaparuta da un lato e Doc Sicilia con il ministero Politiche Agricole e l’associazione Igt Terre Siciliane dall’altra. La questione è nota e riguarda in estrema sintesi l’impossibilità di usare in etichetta i nomi dei vitigni Grillo e Nero d’Avola per i vini a marchio Igt Terre Siciliane. E la conseguente possibilità che i due vitigni potessero essere indicati in etichetta solo nei vini a marchio Doc Sicilia. Una mossa voluta dal consorzio Doc Sicilia per mettere sotto tutela i vitigni più rappresentativi. Duca di Salaparuta ha vinto il primo round con il Tar Lazio dando quindi via libera alla possibilità di indicare i vitigni anche nei vini Igt. Doc Sicilia ha però chiesto e ottenuto dal Consiglio di Stato la sospensiva alla sentenza del Tar Lazio in attesa del pronunciamento sul merito dei giudici di appello. E pertanto è tornato in vigore in questi mesi il divieto di usare i nomi dei vitigni nell’Igt.

Pensare che si possa trovare un accordo tra le parti è ritenuto utopistico. Chi ha avuto modo di leggere le memorie avrebbe commentato che dagli atti volano gli stracci. E mentre già si profilavano pronostici e scenari per l’imminente sentenza definitiva, il Consiglio di Stato ha deciso di far slittare tutto nell’impossibilità di tenere un’udienza con le parti a causa del coronavirus. Tutto rinviato a data da destinarsi. Con un piccolo grande problema per la Sicilia del vino. A fine luglio parte la vendemmia in Sicilia e i produttori di vino non sapranno ancora una volta che pesci prendere. Quello che è stato deciso con la sospensiva accolta tiene in vigore quanto voluto dalla Doc Sicilia. Ma se poi la sentenza darà ragione a Duca di Salaparuta cosa faranno quei produttori che hanno avviato gli iter per produrre vini a marchio Doc quando non ce ne sarebbe necessità? La vendemmia per molti produttori in Sicilia partirà con questa Spada di Damocle gonfia di carte, parcelle di avvocati e malanimi.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search