Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 18 Giugno2020
Oscar Farinetti - ph Vincenzo Ganci

Aumento di capitale di 25 milioni e un fatturato chiuso con un utile consolidato di 8 milioni di euro. 

Queste, in estrema sinte, le notizie emerse dall'Assemblea annuale dei soci di Eataly che ha, appunto, approvato l’aumento di capitale sociale per 25 milioni di euro, come proposto dal consiglio di amministrazione e il bilancio di esercizio al 31 dicembre 2019, chiuso con un utile consolidato pari a 8 milioni di euro, rispetto alla perdita di 17 milioni del 2018. L’intero utile netto verrà reinvestito in azienda e non distribuito come dividendo, coerentemente con l’orientamento scelto dai soci sin dall’inizio della storia di Eataly. Fondata nel 2003 da Oscar Farinetti e attiva nella distribuzione e nella ristorazione, a livello internazionale, focalizzandosi sui prodotti dell’eccellenza enogastronomica italiana, Eataly è una realtà italiana del tutto sui generis, essendo la sola azienda italiana del food retail realmente internazionale con negozi in Medio Oriente, America e Asia, oltre che una realtà simbolo del made in Italy di alta qualità nel mondo.

“L’aumento di capitale contribuirà ad affrontare la situazione odierna e a dare continuità al piano di sviluppo e di nuove aperture”, riferiscono dall’azienda. Infatti, il 2019 è stato un anno molto importante per Eataly con l’apertura a novembre del negozio di Toronto e la definizione di un piano di sviluppo che prevede nuovi negozi: uno in Italia, a Verona, poi a Dallas, Londra, San Josè in California e, molto probabilmente, Austin in Texas, San Francisco, Seattle, Vienna, Lisbona, Madrid e Bruxelles. Per Eataly il 2019 si è chiuso con un fatturato di gruppo pari a 527 milioni di euro, con un aumento del 7% rispetto al 2018. L’Ebitda è stato di 25 milioni, in crescita del 22% rispetto al 2018; gli investimenti in sviluppo 22 milioni, l’utile netto consolidato di 8 milioni.

Anche i primi due mesi del 2020 si sono contraddistinti per la crescita sostenuta. Successivamente, con il dilagare del coronavirus, Eataly ha adottato con velocità le misure per salvaguardare la salute e la sicurezza dei propri collaboratori, fornitori, partner e consumatori. Eataly è così rimasta aperta e operativa per continuare ad offrire in tutti i suoi negozi un servizio primario per l’intera collettività come quello della spesa, mentre la parte di ristorazione è stata chiusa. Inoltre, per aiutare chi ora è in difficoltà a causa delle restrizioni causate dal coronavirus, Eataly e il premiato pastificio Afeltra hanno donato una tonnellata di pasta di grano duro di Gragnano al comitato siciliano della Croce rossa italiana, nell’ambito della campagna di solidarietà promossa da Fondazione Laps, organizzazione di beneficenza fondata da Lapo Elkann.

Al momento la quota più consistente di Eataly, del 57,94%, è detenuta dall’azionista di controllo Eatinvest. Clubitaly (società fondata nel 2014 da Tamburi Investment Partners con altri investitori) e la società semplice Carlo Alberto detengono ciascuna il 19,74%. L’assemblea dei soci che si è tenuta nel maggio dello scorso anno ha ridimensionato le prerogative di Clubitaly, conferendo a tutti i soci diritti di co-vendita, oltre che di prelazione. Tre quote minimali (1,30%, 0,99% e 0,30%), infine, sono detenute rispettivamente da Coop Alleanza 3.0 Società cooperativa, Giulio Napoli e Servizio Italia.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Abbruzzino

Ristorante Abbruzzino

Catanzaro

3) Anatra, kumquat e semi di zucca

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search