Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 21 Gennaio2014


Franco Ricci e Antonella Clerici

Al salone Michelangelo del Rome Cavalieri si è aperto ufficialmente il nuovo capitolo Fondazione Italiana Sommeliers di Franco Ricci.

Ad accogliere gli invitati nella prestigiosa location romana, solo se regolarmente iscritti alla fondazione, è lo stesso Ricci e alcuni tra i docenti fedeli, Daniela Scrobogna, Paolo Lauciani, Massimo Billetto, Luciano Mallozzi. Affollatissimo il salone, con una capienza di 500 persone e un ricambio continuo: del resto molta era la curiosità di capire cosa proporrà la Fis dopo la scissione dall’Ais. Soprattutto a distanza di quasi due settimane dall’intervento pubblico di Antonello Maietta, presidente Ais Italia, sempre a Roma ( per leggere l'articolo cliccare qui).

Non era prevista alcuna conferenza stampa sullo stato delle cose, si è preferito lasciare spazio alle Isole di bontà così come definito dal sito ufficiale di Bibenda (cliccare qui): attraverso un percorso enogastronomico gli invitati potevano farsi un’idea di quello che li aspetterà frequentando le degustazioni future nei luoghi e coi docenti dell’ex Ais Roma. Che forse ex o meno sarà un tribunale a deciderlo, visto che il marchio Ais Roma e Lazio è stato depositato nel 1999 proprio dalla sede capitolina. “E’ tutto nelle mani degli avvocati!” questo è quanto si sostiene nelle sale della Fis.

Tra il serio e il faceto, ad alcuni invitati è stato chiesto: “Sei dei nostri o no?”, sottolineando come al di fuori, a livello di eventi e degustazioni, e non solo a Roma, c’è ben poco. Non sono mancati i complimenti a Ricci e al suo staff per il coraggio quasi rivoluzionario a questa nuova avventura, cui però, un brusio di sottofondo che faceva da contraltare, da quale si sollevavano dubbi e confronti tra Fis ed Ais.

Provando a chiedere ai presenti, per capire gli umori e la percezione di quello che ci si aspetta da un’organizzazione che si occupa di promuovere la cultura del vino, le reazioni sono state, infatti, varie: molti preferiscono proseguire qui perché la location è fantastica, il corpo docente per alcuni è tra i migliori; per altri è solo una passione e di tutti questi problemi non gliene frega niente; perché l’Ais a Roma deve ancora creare una sede e "vai a capire quali saranno gli eventi", e se avranno, soprattutto, lo stesso glamour e fascino che, bisogna riconoscerlo, Ricci ha saputo costruire negli anni, come l’Oscar del Vino, il Bibenda Day, le collaborazioni con il programma radiofonico “Decanter” su Radiorai2 e con il programma televisivo “La prova del Cuoco” su Raiuno. E proprio Antonella Clerici era presente all'evento, accorsa a sostenere l’amico.

Nella Roma antica si sarebbe detto… panem et circenses. Ma siamo nella Roma di oggi, e vuoi vedere che Sorrentino porta a casa, meritatamente, l’Oscar per La grande Bellezza? Scambiando poche battute con Daniela Scrobogna e Massimo Billetto appare evidente la coesione del gruppo docente nel rivendicare lo sforzo fatto negli ultimi venti anni per rilanciare il prestigio dell’Ais e della stessa figura del sommelier.

E della polemica che ha fatto scoppiare il caso (http://www.youtube.com/watch?v=RFZRqQVRs8w)? E’ stata una mancanza di comunicazione, o al contrario una comunicazione divulgata in maniera non adeguata proprio da chi si occupa di promuovere la cultura del vino? Ha avuto coraggio Ricci a metterci la faccia, come qualcuno sostiene, o è stato vittima di una campagna mediatica avversa? E questa scissione sarà un simbolo di libertà? Dubbi che si dipaneranno nel tempo e di cui l’Ais Nazionale dovrà ben tenere presente per capire come favorire la sua rinascita a Roma.

Rocco Caridi

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Carmine di Donna

www.carminedidonna.it

3) Bignè con croccante e crema pasticcera

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search