Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 26 Novembre 2019
di C.d.G.


(Concezio Marulli)

di Annalucia Galeone

In linea con la valorizzazione delle peculiarità territoriali oltre 100 produttori della filiera vitivinicola del territorio casauriense hanno ingranato la marcia e fondato l’Associazione Casauria Docg. Il p Presidente e portavoce è l’enologo Concezio Marulli. 

L'obiettivo è il riconoscimento della Docg Casauria che andrebbe ad affiancarsi a quella delle Colline Teramane. Come indicato nel disciplinare la denominazione sarà riservata al vino, anche nella tipologia superiore, riserva e gran selezione, proveniente dalla zona omonima e ottenuta da uve Montepulciano almeno all’85%. Potranno concorrere le uve di altri vitigni a bacca nera non aromatici, idonei alla coltivazione nella regione Abruzzo, fino ad un massimo del 15%. Le forme di allevamento consentite sono quelle generalmente usate nella zona, ossia pergola orizzontale e spalliera semplice o doppia.

“L’associazione nasce per testimoniare alle istituzioni la volontà della base produttiva di rivendicare con una denominazione di pregio la riconosciuta qualità dei propri prodotti e il suo scopo è quello di accelerare il riconoscimento della Docg Casauria, dopo 13 vendemmie dalla nascita della sottozona - afferma Concezio Marulli - I produttori hanno intrapreso un percorso, con il supporto della regione Abruzzo e del Consorzio di Tutela dei vini d’Abruzzo, presentando nel 2017 presso il Ministero delle Politiche Agricole domanda di riconoscimento della denominazione. I fondatori potranno essere tacciati di essere visionari, ma siamo consapevoli che “dove non c’è visione non c’è speranza”. Il riconoscimento diverrebbe solo l’inizio di un lungo cammino che nella distinzione di un nome vuole costruire un percorso di eccellenza in Abruzzo come Barolo e Brunello lo sono stati in Piemonte e Toscana”. 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search