Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 07 Settembre 2020
di Giorgio Vaiana

di Francesca Landolina

Si chiamerà Matelica Doc e Matelica Riserva Docg.

Il piccolo grande autoctono marchigiano, coltivato in quasi 270 ettari di vigneto in 8 comuni (Matelica, Esanatoglia, Gagliole, Castelraimondo, Camerino e Pioraco nella provincia di Macerata; Cerreto D’Esi e Fabriano in quella di Ancona, nel cuore dell’Alta Vallesina), rivendica la propria identità. All’unanimità i produttori hanno chiesto di avviare l’iter per il cambio nome in etichetta e per introdurre nel disciplinare l’obbligo dell’imbottigliamento in zona. Adesso si dovrà attendere il lungo iter per il via libera del ministero delle Politiche agricole e di Bruxelles. Ad annunciarlo è Antonio Centocanti, Presidente dell'Istituto marchigiano Vini (Imt) e dell’Istituto marchigiano di enogastronomia (Ime): “La produzione di Verdicchio di Matelica è pari al 10 per cento rispetto a quella di Jesi, ma nella categoria "Riserva" Matelica è la più venduta. C’è un nuovo cambio generazionale che guida il cambiamento e la voglia di emergere per una maggiore riconoscibilità territoriale”.

Secondo l’Imt, sono solamente 17 le aziende agricole che imbottigliano il piccolo autoctono di Matelica e di queste ben 10 compaiono con i massimi punteggi nelle 8 principali guide italiane di settore. Il Verdicchio di Matelica Doc e Docg sarebbe infatti il vino bianco a maggior tasso di riconoscimenti in rapporto alla superficie vitata. L’area di vigneto che interessa il Verdicchio di Matelica è anche la più ristrutturata negli ultimi 15 anni con circa 100 ettari impiantati. Sono quasi 1,8 milioni le bottiglie prodotte oggi, di cui il 60 per cento è destinato al mercato nazionale. Adesso cresce l’urgenza di una nuova sfida: lavorare sul valore e sul marketing. Se da una parte la qualità è ormai riconosciuta nel settore, dall’altra non è ancora adeguatamente remunerata. Il prezzo medio è di appena 4 euro a bottiglia, 10 euro per la Riserva. “Il nostro vino – afferma Alberto Mazzoni, direttore dell’Imt – riflette l’imprenditore tipo marchigiano, che è campione del fare e non dell’apparire. Oggi occorre moltiplicare le occasioni di internazionalizzazione organizzate da Imt attraverso i fondi cofinanziati in Europa e nel mondo”.

Solo il 40 per cento del prodotto vola all’estero, in particolare in Germania e nei Paesi Bassi, seguiti dagli Stati Uniti. Nel corso di un evento recentemente organizzato dall’Ime dal nome “Little Big Matelica”, abbiamo degustato il Verdicchio di Matelica di diverse cantine e di diverse annate, di cui vi parleremo più avanti. Nel calice, in generale, spicca un comune denominatore: la sapidità marcata che identifica il Verdicchio di Matelica coltivato in un’area che si estende orizzontalmente con altitudini che vanno dai 400 a 600 metri sul livello del mare. Si preferiscono gli affinamenti in acciaio e si conferma la longevità di un vino che mostra il meglio di sé col trascorrere degli anni.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gaetano Torrente

Al Convento

Cetara (Sa)

2) Genovese di tonno

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search