Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 13 Maggio2020

di Manuela Zanni

Sabato 16 maggio i ristoratori siciliani scenderanno in piazza Verdi a Palermo dalle 18 alle 21 per manifestare contro le possibili linee guida che verranno emanate dal Governo nelle prossime ore circa la modalità di riapertura prevista dal prossimo 18 maggio per il comparto ristorativo.

La notizia è stata comunicata nel corso di una riunione alla quale hanno partecipato tutti quei i ristoratori che in Sicilia, come in tutta Italia, hanno deciso di stabilire una linea di condotta comune che li aiuti a fronteggiare questo momento e di rappresentare un fronte compatto in opposizione ai dettami del Governo ritenuti rigidi e impossibili da applicare.
Per questo motivo, che siano in divisa con gli abiti da lavoro o con quelli di tutti i giorni i ristoratori palermitani indosseranno una fascia nera al braccio in segno di lutto per il settore lavorativo e porteranno una bandiera tricolore come simbolo della Repubblica italiana. Obiettivo comune a tutti è evitare il fallimento trovando delle misure alternative che consentano la sostenibilità economica dell'attività di ristorazione.

“L’imposizione di eccessive distanze tra clienti, la complessità delle procedure di sanificazione , l’utilizzo di divisori in plexiglass, le misure restrittive sui sistemi di aerazione e condizionamento, o ancora, l’attribuzione al titolare del locale della responsabilità diretta in relazione al comportamento individuale di terzi all'interno dell'attività, solo per citare alcune delle ipotesi di rimodulazione contenitive della ristorazione contenute in un documento dell’Inail, ancora in bozza, sono norme che renderebbero impossibile la ripertura per la maggior parte delle realtà italiane”, dice Nello Occhipinti, chef patròn del ristorante Verdechiaro di Palermo insieme alla moglie Daniela tra i promotori della manifestazione.

La realizzazione di opere per il contenimemento del virus come l'acquisto delle attrezzature e di tutte le misure di sicurezza necessarie e lo scudo fiscale che preveda per 18 mesi la sospensione del fallimento e dei contenziosi e la revoca di ogni contribuzione sono alcune delle richieste stilate nel Mio, Manifesto Imprese Ospitalità, un movimento libero e apartitico di imprenditori, in attesa di conoscere i dettagli del decreto ministeriale.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Carmine di Donna

www.carminedidonna.it

3) Bignè con croccante e crema pasticcera

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search