Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Contributors

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone
Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri
Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri
Enzo Raneri

Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione
eventi
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 24 Marzo 2020
di Giorgio Vaiana

di Roberto Chifari

Da Nord a Sud, l'Italia del vino è in ginocchio. Colpa del blocco italiano, dell'export e del calo dei consumi.

La notizia dello spostamento della 54esima edizione del Vinitaly al 2021 (leggi questo aticolo) fotografa il momento storico e le conseguenze economiche che stiamo attraversando. La decisione, seppur sofferta, era inevitabile da parte dei vertici di VeronaFiere soprattutto per garantire la sicurezza degli ospiti della Fiera. Il nostro giornale ha cercato in questi giorni di raccontarvi un'Italia a doppia velocità: da un lato la stretta attualità, con la difficoltà oggettiva delle aziende a programmare non solo il futuro ma anche il presente; dall'altro abbiamo cercato di raccontarvi piccole e grandi storie di riscatto e solidarietà. Nel momento più grave e difficile per il nostro Paese, dalle cantine si leva un solo coro: "Dobbiamo farcela". Non che un coro, un hashtag o un incitamento riescano con uno schiocco di dita a risollevare un comparto, che nel giro di un mese è destinato a perdere milioni di euro di fatturato, ma da qualche parte bisogna pur ripartire.

E allora come si fa a risollevarsi da un momento così difficile? Non abbiamo la ricetta pronta, né una soluzione da adottare per tutti, anche perché il decreto Cura Italia del governo ha alzato più di qualche malumore. Ogni territorio ha una sua peculiarità, ogni terroir una fetta di mercato a cui si rivolge. Pretendere che una soluzione all'interno di un decreto possa salvare l'intero comparto è quanto meno utopistico. Sentiamo, perlomeno, il dovere di provare a raccontare il territorio, le regioni, il sistema Italia. E allora vi raccontiamo quattro regioni che rispondono a modo loro.

Umbria
Le Strade del vino e dell'olio dell'Umbria, hanno dato vita al nuovo progetto di comunicazione turistico/enogastronomico/sociale dal titolo #tiportiamolumbria, una finestra sull'Umbria. "Un messaggio di speranza dall'Umbria - spiega Paolo Morbidoni, presidente del Coordinamento delle Strade del Vino e dell'Olio dell'Umbria - perché in campagna si continua a lavorare, perché la natura ci fa guadare al futuro, perché la primavera è arrivata, nonostante questo momento critico dovuto all'emergenza sanitaria che stiamo vivendo". Un video contest per supportare nella comunicazione e nella promozione le piccole aziende agricole, i frantoi, le strutture ricettive. "Questo video contest vuole essere una occasione per trascorrere ogni giorno, 50 secondi in Umbria, da casa, entrando anche solo virtualmente negli uliveti, nei vigneti, negli orti, nelle cucine, nelle cantine. Un caloroso invito a venire poi a conoscere queste realtà personalmente, appena sarà possibile".

Toscana
#Iostappoacasa: è l'hashtag e insieme il titolo della nuova campagna lanciata dal Movimento turismo del vino Toscana che attraverso i canali social e il portale ufficiale vuole sensibilizzare i tanti italiani costretti a casa dal coronavirus a continuare a sperare magari potendo comunque acquistare vini di qualità delle cantine socie del Movimento. "Un modo per cercare di sdrammatizzare un momento di vera crisi, non solo economica, ma sociale - spiega il presidente del Movimento Turismo del Vino Toscana, Emanuela Tamburini - vogliamo quindi continuare ad accompagnare i nostri appassionati in cantina, portando le cantine a casa loro". Sul portale www.mtvtoscana.com si potranno trovare le aziende che partecipano all'iniziativa e i riferimenti per poter ordinare direttamente online o attraverso email i vini desiderati.

Piemonte
I Consorzi del Brachetto d'Acqui docg, dell'Asti e del Moscato d'Asti docg e il Consorzio Barbera d'Asti e Vini del Monferrato si sono uniti per una raccolta di fondi da devolvere alla Regione Piemonte per la lotta all'epidemia da Covid-19. Sul tavolo 30mila euro per l'acquisto di tre respiratori indispensabili all'assistenza dei malati più gravi. "Nessuno può tirarsi fuori da questa lotta che potremo vincere solo se saremo uniti, come piemontesi, come italiani, come europei e come cittadini del mondo", hanno detto i tre presidenti Paolo Ricagno, presidente del Consorzio del Brachetto d'Acqui, Romano Dogliotti, a capo del Consorzio dell'Asti e del Moscato d'Asti, e Filippo Mobrici, presidente del Consorzio Barbera d'Asti e Vini del Monferrato, nell'annunciare quello che definiscono come un doveroso ringraziamento da parte della filiera vitivinicola piemontese a chi da settimane è impegnato nella lotta contro la pandemia da Covid -19,

Friuli Venezia-Giulia
Gli amanti del vino hanno dovuto dire addio a bar e ristoranti, ma c'è una scappatoia ed è la consegna a domicilio. Di servizi ce ne sono decine, la possibilità di ordinare online è cresciuta nelle ultime 3 settimane del 97 per cento. Ma qual è il vino più ordinato sul web? I best seller sono i grandi classici: i bianchi di Alto e Friuli, o i rossi del Piemonte o Bolgheri. E così, le bevute casalinghe sono diventate anche un appuntamento per incontrarsi virtualmente, con aperitivi comuni live su Instagram all'insegna dell'hashtag #iobevoacasa.


Commenti   

0 #1 federica eccel 2020-03-25 12:33
Grazie dell'articolo Roberto e redazione di Cronache. Mi permetto di aggiungere che anche in Sicilia, la Strada del vino dell'Etna con Slow Food, sta promuovendo un'iniziativa per promuovere non solo i prodotti, ma anche le attività con la presenza degli chef e dei produttori che, entrambi tramite video, raccontano rispettivamente una ricetta (avvalendosi di un prodotto locale) o il proprio vino. Qui il link dell'articolo uscito sulla Sicilia qualche giorno fa: https://www.lasicilia.it/news/covid-19/332632/covid-19-buonosanoesiciliano-gli-chef-cucinano-da-casa-per-aiutare-i-produttori.html?fbclid=IwAR3HQB3vhCgAQiXuxxU-fm1j9cPpxzHu1ekbJHQ_rdGTX8x9e2eez2c33GM Disponibile comunicato stampa. grazie e buon lavoro a voi. Federica Eccel
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search