Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 29 Marzo 2020
di Giorgio Vaiana

La Francia ha riconosciuto in maniera ufficiale i vini naturali. Saranno commercializzati usando il termine "vin méthode nature".

Passo in avanti, dunque, per i tanti vigneron che da anni si battevano per il riconoscimento di questa particolare categoria di vini. E' nata anche un'associazione che racchiude i produttori di vini naturali in collaborazione con il Ministero dell'agricoltura francese e l'Istituto nazionale francese per le origini e la qualità. Il presidente è Jacques Carroget. In realtà le normative esistenti vientano l'uso del termine "vino naturale" sulle etichette. Ma i francesi hanno bypassato il problema utilizzando l'escamotage di creare la denominazione "vin méthode nature". Per ora la denominazione sarà in prova (lo sarà per tre anni). Per poterla utilizzare, il vino deve essere prodotto da uve raccolte a mano da viti biologiche certificate e prodotto con lievito indigeno. Durante il processo di vinificazione sono vietate le pratiche di filtrazione a flusso incrociato, pastorizzazione flash, termovinificazione e osmosi inversa. Sono ammessi fino a 30 milligrammi per litro di solfiti in tutti i tipi di vino. Per distinguere tra i vini naturali che contengono solfiti e quelli che sono privi di solfiti, sono stati creati due loghi appositi. Oggi anno una commissione controllerà i vini che hanno richiesto la denominazione. Se non conforme ai parametri stabiliti, il vino dovrà essere commercializzato con un marchio diverso per non indurre in errore i consumatori. Si prevede che oltre 100 marchi di vini francesi saranno commercializzati come "vin méthode nature" nei prossimi mesi.

C.d.G.


Commenti   

+2 #1 Ermete Incarnati 2020-03-29 17:07
In Italia i più non lo accetteranno perché 01. molti della corrente naturale non sono neanche biologici 02. molti usano ben più solfiti di quel che dicono
E diranno che non vogliono essere ingabbiati in nessuna categoria. Facile. ...
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search