Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Contributors

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone
Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri
Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri
Enzo Raneri

Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione
eventi
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 24 Marzo 2020
di Giorgio Vaiana

Il vino del Nord Europa. E' un focus molto interessante quello che scritto da Jon Henley per il The Guardian.

Che presenta il mondo enologico del Nord Europa. Si parte dalla Svezia meridionale con Håkan Hansson, quinta generazione della sua famiglia che coltiva questo tratto di terra. Oggi qui ci sono 6,5 ettari coltivati a vigne. E si parla di cambiamenti climatici. Tanto che Hansson dice: "Abbiamo un mese in più d'estate adesso. E gli inverni non sono come quelli di una volta. Ecco perché possiamo fare il vino e perché 50 anni fa non abbiamo potuto farlo". Di solito a settembre le temperature precipitavano. Ora non più: "Qui si parla di 24, 25 gradi a settembre - spiega Hansson - Anche alla fine di settembre. Un clima che non è diverso dalla Borgogna".

Insomma fino a dieci anni fa era impossibile parlare di vino di altissima qualità da queste parti della Scandinavia. Eppure se le temperature estreme hanno "bruciato" il raccolto in molti paesi dell'Europa meridionale, da queste parti, i cambiamenti climatici, stanno creando una nuova e interessante regione enologica mondiale. Crescono gli ettari vitati in Danimarca, così come in Svezia. Sono tanti i "pionieri" che si affacciano a qusto nuovo mondo. Ma sono comunque ancora pochi i vigneti. Le stime, per la Finlandia, parlano di complessivamente di 125 ettari in tutto il paese. In Europa, principalmente tra Francia, Italia e Spagna, ce ne sono 3,3 milioni di ettari. La produzione è piccola, poco meno di 500 mila bottiglie. "Siamo ancora molto nella nostra infanzia - ​​ha detto Svensson - Ma la produzione commerciale è ora seria. E la qualità del vino è molto incoraggiante. C'è un ottimo feedback da tutto il mondo".

I vantaggi? Da queste parti, nei periodi in cui è estate, si possono avere fino a 25 ore in più di luce a settimana rispetto al resto del mondo. E le temperature basse contribuiscono alla produzione di vini con un'acidità molto interessante che sta diventando quasi impossibile da raggiungere più a Sud in Europa. La varietà più coltivata da queste parti, per i bianchi, è il Solaris, un ibrido molto resistente sviluppato da Riesling e Pinot Grigio. Per i rossi, invece, la varietà più diffusa è il Rondo. Nei vigneti sono tante le sperimentazioni: "Ogni anno proviamo qualcosa di nuovo in una piccola parte del vigneto - spiega Hansson - A volte funziona, a volte no. Ora sappiamo, ad esempio, che fare il Merlot qui è impossibile. Foglie molto belle, uva totalmente scadente". Il freddo, da queste parti, ha anche dei benefici: le viti, infatti, sono molto più resistenti alle malattie e vengono usati pochissimi (quasi zero) prodotti chimici. I vini svedesi si vendono principalmente in Scandinvia, ma inizia un certo mercato all'estero, con Germania, Olanda e Francia che si sono dimostrati interessati. Ovviamente, i prezzi non sono bassi: poca produzione vuole dire prezzi alti. E una bottiglia di vino qui si aggira dai 25 ai 30 euro a bottiglia.

Gli scienziati, da tempo, affermano che la mappa mondiale del vino potrebbe essere sostanzialmente cambiata a causa del riscaldamento globale, con le regioni vinicole tradizionali nell'Europa meridionale, così come l'Australia, la California e l'America Latina, ormai diventate troppo calde, mentre le aree più settentrionali, come il Regno Unito, Paesi Bassi e Scandinavia, più predisposte alla produzione di vino. Ciò non significa che i vigneti del nord avranno vita facile. L'aumento delle temperature può aver migliorato le condizioni di crescita, ma il riscaldamento globale significa anche un clima più estremo e imprevedibile: forti piogge, tempeste violente e grandine.
C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search