Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 17 Aprile2020
Giovanni Mantovani - ph Ennevi VeronaFiere

di Roberto Chifari

"Un evento dedicato al vino in autunno", la proposta, rilanciata più volte in queste settimane, è stata portata avanti dal dirigente generale di Veronafiere e Vinitaly, Giovanni Mantovani.

"Siamo convinti che questa difficile situazione non lasci spazio ad eventi facili - ha detto in occasione dell'Italian Wine in Evolution - Per questo Veronafiere e Vinitaly si sono messe a disposizione della filiera per pensare ad un evento straordinario al servizio del vino italiano. Stiamo pensando ad un evento che si svolgerà in contemporanea con wine2wine". Una dichiarazione che non lascia molto spazio all'interpretazione, dato che ai piani alti di VeronaFiere si sta cercando da settimane un'uscita di emergenza per salvare in extremis il settore fieristico del 2020. Eppure, un'apertura verso un evento come il Vinitaly, et similia, in autunno o a novembre significherebbe concentrare a Verona migliaia di persone, addetti ai lavori e i cosiddetti winelover tra i padiglioni del PalaExpo. Oppure significherebbe doversi accontentare di un evento monco, con tante limitazioni e ristrettezze organizzative pur di poter dire "ce l'abbiamo fatta". Qualunque direzione si decida di intraprendere è un rischio che ad oggi non si può correre. Dalle parole di Mantovani è chiaramente condivisibile l'intento e la voglia di ripartire il prima possibile. "La partecipazione potrebbe avvenire con supporti digitali o anche con presenza fisica, a seconda delle condizioni del momento". Eppure una dichiarazione del genere - rilanciata persino dalla pagina ufficiale Instagram di Vinitalyinternational - stride con la situazione attuale che ogni giorno, come un bollettino di guerra, racconta di centinaia di persone che non ce l'hanno fatta nella lotta contro il nemico invisibile.

È necessario prendere coscienza che un evento, qualunque evento, che accolga migliaia di persone in un unico luogo adesso è impensabile. Non è proprio programmabile, perché non è ancora chiaro se il virus possa tornare in autunno come accade con l'influenza oppure no. Non è chiaro se R=0, ovvero la capacità di trasmissione del virus sarà sopra o sotto lo zero da qui a novembre. Le uniche armi che ad oggi si conoscono per limitare la diffusione del contagio sono: il distanziamento sociale, i dispositivi di protezione individuale e condizioni igieniche da sala chirurgica. Precauzioni utili per evitare la trasmissione stessa del virus, ma non per sconfiggerlo. Ad oggi organizzare qualunque evento che preveda la presenza di pubblico è impensabile, l'unica cosa che è fattibile è pensare ad un'organizzazione per il 2021 con nuove regole, nuove abitudini che dovrebbero essere consolidate da qui ad un anno. A Verona sono quindi già al lavoro e fiduciosi per Wine2Asia, in calendario dal 9 all’11 novembre possa realizzarsi. "Se le cose andranno nella direzione che attualmente osserviamo, Wine2Asia potrebbe rappresentare il primo appuntamento per la riapertura di quel grande mercato", ha commentato di dg di Veronafiere e Vinitaly.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Bufi

La Gattabuia

Matera

3) Barbabietola al cartoccio

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search