Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 18 Maggio 2020
di Giorgio Vaiana
Sandro Boscaini

di Emanuele Scarci

Con l'avvicinarsi della tempesta, Masi corre ai ripari: in marzo le vendite sono scivolate di quasi l’8% e in aprile a doppia cifra. La cantina della Valpolicella classica ha chiesto e ottenuto dalle banche 12 milioni in forma di finanziamenti chirografari (cioè senza garanzie) a medio-lungo termine.

Nel primo trimestre, Masi Agricola ha registrato un calo dei ricavi del 2,7% a 13 milioni che, al netto della compravendita one-off di prodotti di vinificazione di carattere accessorio, sarebbe stato del -7,7%. "È ragionevole attendersi impatti del covid-19 nel secondo trimestre e nei successivi dalle dilazioni di pagamento normalmente concesse ai clienti che si trovano tuttora nell’impossibilità di operare e di generare regolari flussi finanziari" spiega la società quotata in Borsa, all'Aim Italia. Nel primo trimestre "il calo complessivo dei ricavi - spiega Masi - è derivante principalmente dal travel retail e duty free, ma anche il mercato Italia ha registrato una significativa diminuzione, sia per le ridotte vendite all’horeca che dell’attività di Masi Wine Experience (i 7 wine bar Masi ndr). L’export si presenta sostanzialmente stabile, grazie a una performance positiva delle Americhe. Tutttavia guardando al secondo trimestre 2020, la diminuzione delle vendite si presenta al momento molto più severa, attestandosi nel mese di aprile a una doppia cifra e prospettandosi un maggio anch’esso pesante".

Masi ha registrato crescite nel canale della grande distribuzione e dell'e.commerce, ma la sua struttura distributiva "si fonda prevalentemente sull’Horeca, come quella di tutti i produttori di vini a marchio premium". Poi l'azienda conclude che "non è possibile stimare con sufficiente attendibilità l’impatto che l’emergenza da coronavirus potrà avere sull’andamento delle attività, né soprattutto è delineabile l’effetto che la stessa produrrà ex post in termini di stile di vita e relazioni sociali". Gli effetti della pandemia rischiano di rallentare il progetto di rilancio della cantina veneta puntato sul rinnovo dei distributori internazionali e sullo sviluppo della Masi wine experience. Negli scorsi mesi l’azienda veneta ha cambiato importatore e distributore prima in Russia e poi in Germania. E anche negli Stti Uniti la famiglia Boscaini, dall'1 aprile, ha lasciato, dopo 7 anni, l’americana Kobrand wine e spirits per Santa Margherita Usa, controllata dalla famiglia Marzotto. L’azienda di Sant’Ambrogio in Valpolicella ritiene che i vecchi distributori non abbiano raccolto volumi proporzionati al posizionamento premium della cantina.

E’ stato avviato anche un progetto “al dettaglio” nel quadro del progetto Masi experience: sono stati inaugurati 7 wine bar. L’ottavo, a Monaco di Baviera, in Maximilianstrasse, è stato congelato dal virus. “Per ora andiamo avanti nell’implementazione della strategia – ha detto il presidente Sandro Boscaini – ma, se la stasi dell’azienda dovesse prolungarsi e incidere sui flussi di cassa, dovremmo modificare in corsa i nostri progetti”. Infine, la scorsa settimana Red Circle ha acquisito il 5% del capitale di Masi. Red Circle è la cassaforte di Renzo Rosso, proprietario del marchio Diesel e di altri marchi di moda. L'investimento è di natura finanziaria, difficilmente Boscaini si farà suggerire da Rosso che fare nella sua azienda. Ma secondo Equita Sim (specialist di Borsa di Masi) l'investimento di Rosso è di lungo periodo. E potrebbe supportare Masi nello sviluppo del concept Masi Wine Experience o in altre iniziative di brand building.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gaetano Torrente

Al Convento

Cetara (Sa)

2) Genovese di tonno

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search