Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 16 Gennaio2014

In Borgogna si cerca di ricorrere ai ripari.

 Viticoltori e produttori fanno il punto della situazione sulla piaga del mal dell'esca che continua a devastare i vigneti nella regione. Indicata come la malattia più devastante del prossimo futuro. Alcuni sostengono che i danni che riporterà saranno altrettanto ingenti come quelli causati dalla fillossera, se non addirittura più gravi. La malattia del tronco uccide a poco a poco la vite e la pianta infetta non presenta sintomi. Prospettive non rosee, davanti a cui molti di loro hanno fanno il mea culpa. Strumenti non idonei, tecniche di innesto e potatura errate, uso di pesticidi  un mix di scelte e programmi che non hanno debellato la malattia, al contrario ne hanno favorito lo sviluppo. Il seminario tenuto dal Master of Wine Jasper Morris, Berry Bros & Rudd, focalizzato sulla problematica che sta incidendo non poco sulla produzione di molte cantine del territorio, grandi e piccole, è stata l'occasione per molti di guardare al passato, di fare il punto della situazione e di confrontare esperienze.  Alla tavola rotonda hanno partecipato anche personaggi di spicco come Olvier Merlin, produttore nel Mâconnais, il quale per primo ha messo sul banco degli imputati l'uso delle forbici elettrice, adottato da molti viticoltori. Sull'arsenico, bandito oramai in Francia da dieci anni ma che veniva largamente usato da molte cantine, Merlin facendo un excursus delle metodologie usate in passato, lo ha indicato come l'unico dimostratasi efficace per tamponare il mal dell'esca, specificando però la pericolosità per il terreno e l'ambiente di tale sostanza sostenendo in pieno il divieto di utilizzo. Poi ancora sotto giudizio è stata messa la tecnica d'innesto a omega, una delle più comuni e praticata in molti vivai. L'incontro è servito anche per valutare le alternative e le nuove strade intraprese da alcuni produttori, come Frédéric Lafarge da Domaine Michel Lafarge presente al seminario che ha puntato su una delle più quotate per combatte la piaga, quella dell'innesto in campo, non certo facile però da intraprendere in Borgogna a causa del clima, ma in altre zone d'Europa starebbe dando buoni risultati. Per quanto riguarda le varietà a rischio, la preoccupazione dei produttori rimane principalmente rivolta al Pinot Noir, mentre lo Chardonnay risulta meno sensibile. 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Carmine di Donna

www.carminedidonna.it

3) Bignè con croccante e crema pasticcera

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search