Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 03 Gennaio2022
Patrizia Girardi

di Annalucia Galeone

L'occhio vuole la sua parte anche a tavola.

Il piacere del cibo passa dalla vista e anticipa la percezione dell'appagamento del primo boccone. Lo sa bene Patrizia Girardi che del connubio estetica e gusto ha fatto il suo leitmotiv. Patrizia è l'executive chef del wine resort masseria Amastuola a Crispiano, in provincia di Taranto. E' stata soprannominata “la chef che dipinge”. Ogni suo piatto è bello da vedere e buono da gustare. Con maestria usa pennelli e colori, solo alimentari, per decorare ogni portata come se fosse una tela, li personalizza con estro, i temi non si ripetono, non sono mai gli stessi e rimangono impressi nella memoria. Il tocco è sicuro ma delicato, raffigura volti di donna, elementi architettonici e paesaggistici.

(La famiglia Montanaro)

“La mia è una cucina territoriale e contemporanea - afferma Patrizia Girardi - Amo il mio lavoro e desidero catturare l'attenzione dell'ospite attraverso le emozioni. Cucinare è un atto di amore, meglio se associato all'arte, ai profumi, ai sapori che richiamano la Puglia”. E' una chef talentuosa e autodidatta, ama mangiar bene e mettersi in gioco. Sin da piccola aveva le mani in pasta. I primi passi professionali tra i fornelli li ha mossi nell'azienda di famiglia, ma le ambizioni erano ben altre. Quattro anni fa, ha preparato il catering per un evento privato tenutosi ad Amastuola. I Montanaro, i proprietari, sono stati conquistati dalle sue portate e le hanno affidato le redini del ristorante. Il sogno stipato nel cassetto si è così realizzato. “Le vecchie ricette ereditate dalla mamma e dalla nonna le reinterpreto a mio piacere - racconta chef Patrizia - Mi ispiro alla cucina nordica, allo stile minimalista ed essenziale. La mia non è una cucina gourmet, utilizzo pochi ingredienti, ma buoni provenienti da artigiani/fornitori di fiducia e della zona. Amastuola è per me come un figlio e come tale lo tratto. Sono materna, ma severa”.

I piatti sono in costante evoluzione, cambiano a seconda della stagionalità. Di recente ha ripreso a suo modo un'antica ricetta della tradizone tarantina, i calzoni farciti di ricotta con cannella e miele accompagnati con il ragù di scottona e canestrato grattuggiato. Da provare anche i tortellini di grano arso con capocollo, burrata e castagne e la vellulata al cioccolato bianco e sfoglia mou. Amastuola è una tappa che vale la sosta, un porto sicuro per i buongustai. In estate il ristorante è aperto tutte le sere, in inverno solo la domenica a pranzo con un menù degustazione. I vini in abbinamento sono quelli prodotti nell'omonima cantina.

(La masseria)

La masseria risale al XVIII secolo, dal 2003 è di proprietà del gruppo Kikau della famiglia Montanaro. Oltre al ristorante ospita il wine hotel con 18 camere, la libreria e la bottaia. La struttura è circondata dal magnifico “vigneto giardino” conosciuto in tutto il mondo, un luogo unico e suggestivo. I filari di viti sono stati impiantati sulla base del disegno pensato dal designer e filosofo paesaggista Fernando Caruncho. Le spalliere disegnano onde armoniche e parallele che si susseguono per circa 3 chilometri. Qui, nel rispetto dei principi della sostenibilità supportata dall'innovazione si producono vini in regime biologico.

(La bottaia)

L'artefice dell'ambizioso progetto Amastuola, è Peppino Montanaro, un arzillo ottantenne. Ha creato dal nulla un'azienda diventata un fiore all'occhiello dell'economia locale che spazia in vari settori e prima di andare in pensione ha rinsaldato il legame con la terra di origine con l'acquisizione della masseria. Oggi la guida dell'impresa è affidata ai tre figli Filippo, Donato, Ilaria e il genero Giuseppe. “Amastuola rappresenta la sintesi del progetto vigneto e masseria pensato e voluto da papà Peppino - sottolinea Filippo Montanaro - Sarà difficile per noi figli essere alla sua altezza, è certamente una tappa importante ma non un punto di arrivo”.

Amastuola Wine Resort
località Amastuola, strada provinciale 42
Crispiano (Ta)
www.amastuola.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
T. 099 9908025
In estate aperto tutte le sere; in inverno solo la domenica a pranzo
Ferie: variabili
Carte di credito: tutte
Parcheggio: sì

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Patrizia Girardi

Amastuola Wine Resort

Crispiano (Ta)

4) Anche l'occhio vuole la sua parte

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search