Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 06 Marzo2020
I sei nuovi consiglieri dell'associazione dei produttori del Ruchè

L'obiettivo "milione di bottiglie" è sfuggito per un pelo. Ma la produzione, a leggere i dati, è praticamente raddoppiata in pochissimi anni.

Stiamo parlando del Ruchè. Un vitigno raro e prezioso, ma da un po' di tempo agli onori delle cronache. Oggi l'associazione dei produttori del Ruché di Castagnole Monferrato ha rinnovato i vertici. Al presidente Luca Ferraris, si affiancheranno per i prossimi quattro anni, sei consiglieri: Franco Morando (Azienda Montalbera), eletto vicepresidente, Franco Cavallero (Cantine Sant’Agata), Daniela Amelio (Amelio Livio), Gianfranco Borna (Cantina Sociale di Castagnole), Roberto Morosinotto (Bersano) e Roberto Rossi (Vini Caldera). Segretario è stato eletto Dante Garrone (Garrone Evasio e Figli). "Dopo che abbiamo formalizzato l'associazione - spiega il presidente Luca Ferraris - le cose sono andate sempre meglio. Prima eravamo solo un gruppo di amici e colleghi. Oggi l'associazione ci ha resi forti e ci ha consentito di approcciarsi al mondo della comunicazione in modo diverso. Abbiamo lavorato, e parecchio, sulla valorizzazione del territorio. E uno slancio lo dobbiamo anche alla Festa del Ruché che lo scorso anno ha fatto registrare oltre diecimila ingressi".

Il Ruchè è un vitigno autoctono dei più rari tra quelli coltivati nel Monferrato astigiano. La sua storia reale si mescola con le leggende che circolano da queste parti. Forse deriva da un vitigno importato dalla Borgogna da monaci che li impiantarono vicino al convento oggi scomparso di San Rocco. Si dice che fu don Giacomo Cauda, parroco negli anni '60 da queste parti, a trovare alcune piantine di Ruché mescolate nei vigneti di Barbera e Grignolino. Allora decise di provare a vinificarlo. E si rese conto delle potenzialità di questo vino. I terreni calcarei, asciutti, con elevata insolazione della zona di produzione regalano un vino di alta qualità, ma in quantità limitata. Destinato in passato al consumo famigliare, era il vino delle "grandi occasioni", offerto alle persone più care, da sempre legato ai momenti belli della vita; nel tempo il Ruchè ha mantenuto questi tratti, facendosi riconoscere ed apprezzare in tutta Italia ed anche all’estero. Il Ruché ricevette la Doc nel 1987, che divenne Docg nel 2010. "Ma già dal 2000 il succeso di questo vino era sempre crescente - spiega Ferraris - Finalmente gli appassionati aprivano gli occhi sulle produzioni di nicchia e non pensavano solo a Barbera, che qui la faceva da padrona, o Barolo. Oggi l'associazione conta 22 aziende che rappresentano quasi il 95 per cento della produzione".

(Luca Ferraris)

Sono 185 gli ettari coltivati a Ruché. La metà delle produzione rimane in ambito regionale. Il 20 per cento viaggia per l'Italia e il restante 30 per cento va all'estero, con Giappone, Stati Uniti e da qualche anno i paesi scandinavi, come mercati di riferimento. "L'interesse per il Ruché nell'area nord occidentale italiana è davvero molto forte - spiega il presidente - Pian piano però, stiamo vedendo una sempre più massiccia presenza sopattutto nelle grandi città italiane. La cosa che ci fa piacere e rabbia allo stesso tempo, è che nei ristoranti statunitensi il Ruché è molto conosciuto, a differenza del'Italia". In chiusura, il capitolo Vinitaly con le nuove date fissate a giugno: "Credo che gli organizzatori del ProWein abbiano dimostrato una certa serietà ad occuparsi dell'emergenza Coronavirus senza "buttare" date a caso - dice Ferraris - Il Vinitaly non aveva altra idea che scegliere dei giorni per il riposizionamento della fiera e giugno è stata una scelta quasi scontata. Ma restano i dubbi. Perché ancora non è chiaro come finirà quella che io definisco forse impropriamente "pandemia". Non credo che la cosa sarà ristretta a un paio di settimane, ma ci vorranno dei mesi. E non credo che gli importatori avranno voglia adesso di staccare dei biglietti per un evento di giugno. Chiacchierando con amici e colleghi il pensiero è quasi unanime e l'idea è quella di chiedere a Vinitaly a pensare bene a cosa farà".
G.V.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Peppe Causarano

Ristorante VotaVota

Marina di Ragusa (Rg)

1) Spaghetto affumicato burro e alici

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search