Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 17 Settembre2012

La 2012 verrà ricordata come una delle vendemmie più scarse in termini di produzione.

Anzi a livello globale, si dice che abbia toccato il minimo storico degli ultimi 40 anni, con una riduzione totale di uva raccolta del 6 per cento. Tradotto in ettolitri, appena 256 milioni. Il quadro lo dà la Coldiretti. Un andamento negativo che si accompagna però all'aumento del consumo globale. "Il crollo della produzione spinge al rialzo i prezzi di vendita dei vini sui mercati internazionali, anche per compensare l'aumento dei costi produttivi. Un trend che - precisa Coldiretti - riguarda anche l'Italia dove peraltro si è già verificato un aumento del 7 per cento dei prezzi medi di vendita del vino comune al consumo nel primo semestre dell'anno".
   
Se il calo interessa i produttori storici come Italia, Francia e Spagna, l'aumento dei consumi si sta invece verificando in altri Paesi come la Russia e la Cina che fanno segnare i tassi di crescita più elevati. Per effetto dei cambiamenti nella geografia mondiale, nel 2012 si brinderà più all'estero che in Italia, dove peraltro i consumi familiari in quantità si sono ridotti dell'1,8 per cento nel primo semestre.

Il record negativo nella produzione di vino è il risultato dei crolli nei raccolti in Francia dove si stimano 44 milioni di ettolitri di vino, con un calo del 14 per cento rispetto allo scorso anno, anche per effetto de crollo del 26 per cento per lo Champagne. In Italia, a causa del caldo torrido e della siccità, la raccolta è stimata a 40,5 milioni di ettolitri, in calo del 5 per cento. In Spagna la produzione è stimata in 35 milioni di ettolitri (-8,6 per cento) e contribuisce a peggiorare il bilancio nell'Unione europea dove si prevede il record negativo di 147,9 milioni di ettolitri (-10 per cento). 

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Caterina Ceraudo

Ristorante Dattilo

Crotone

3) Spigola, limone candito e emulsione di spigola

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search