Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Dove mangio il 04 Maggio2021
Carmelo Abbate

di Christian Guzzardi

Un angolo di Napoli a Barcellona Pozzo di Gotto, in provincia di Messina.

Si può descrivere così la pizzeria "Le due Sicilie", una delle più apprezzate e frequentate della provincia di Messina. Un'offerta gastronomica che attinge a piene mani dalla tradizione partenopea e un'amore, sconfinato, per il suo piatto simbolo. A raccontare come è iniziata questa avventura professionale è il suo patron e pizzaiolo Carmelo Abbate. "Fino a dieci anni fa – dice – non lavoravo nel mondo della ristorazione. Durante una vacanza conobbi una ragazza, oggi diventata mia moglie, e con lei mi trasferii a Napoli, sua città d'origine". Nel capoluogo campano Carmelo si avvicina al mondo della pizza, frequenta l'Associazione Pizzaiuoli Napoletani e inizia a fare esperienza presso i locali della città. "Pian piano – continua – la passione cresceva e insieme a lei anche il desiderio di realizzare il mio impasto, la mia pizza. Decisi dunque di tornare in Sicilia per mettere in pratica quello che avevo imparato".

E così, dopo aver lavorato per diverso tempo presso una pizzeria di Milazzo, sempre in provincia di Messina, nel 2017 Carmelo realizza il sogno di aprire un locale tutto suo: "Ho voluto chiamarlo "Le due Sicilie" in riferimento al regno delle due Sicilie, ma anche in omaggio alla mia storia e alle mie due bambine, nate una in Sicilia e una in Campania", dice. Sbarca così a Barcellona Pozzo di Gotto una pizza in puro stile napoletano, semplice ma di grande qualità, da gustare rigorosamente al tavolo: "Siamo partiti con 40 posti, oggi ne contiamo 120. Avevamo scelto di non proporre l'asporto e il domicilio, ma ovviamente quest'anno abbiamo dovuto adeguarci. Lo abbiamo fatto però al meglio delle nostre possibilità, utilizzando i bauletti riscaldati hotbox e i cartoni termici, in modo da mantenere intatta la qualità del prodotto".

(La zizzona)

"Le due Sicilie" propone una pizza alveolata e con un bordo alto, in molte varietà ripieno di ricotta di bufala. Tre tipologie di impasto - uno tradizionale, ottenuto da tre varietà di farine, uno multicereale e un altro ancora integrale – e una selezione di salumi e formaggi pregiati provenienti da tutto il territorio nazionale. Oltre alle pizze il locale offre anche calzoni, pizze fritte e antipasti tipici napoletani come crocchette, frittate e montanarine. Tra le pizze in menù quelle consigliate da Carmelo Abbate sono: "Di sicuro la "Super Simo", realizzata in cottura con datterino giallo, capperi di Pantelleria, cipolla rossa, mozzarella di bufala e finita, a crudo, con filetti di tonno di Cetara e una piccola mozzarella di bufala a crudo che è presente in tutte le pizze ed è un po' la mia firma. E poi ancora la "Zizzona", una semplice Margherita con bufala e basilico servita con al centro una mozzarella da 350 grammi. Una pizza semplice ma che vuole celebrare il gusto della mozzarella che avvolge ed esalta tutti gli altri ingredienti. Ed ancora la "Napul è": bordo ripieno di ricotta e poi datterino giallo, mozzarella di bufala, prosciutto crudo e scaglie di grana".

(La super Simo)

In abbinamento alle sue pizze Carmelo propone "assolutamente birra alla spina. Sono un appassionato di questo accoppiamento. Sebbene in molti scelgano anche il vino, per me rimane la scelta più giusta". E sul futuro della pizza, su ciò che ci aspetta: "Molti oggi intendono la pizza come un piatto gourmet. Credo che si possa e si debba crescere anche in questa direzione. Ma per me la pizza resta quella dei vicoli di Napoli, quella che si piega a portafoglio e che si mangia per strada. Un'esplosione di felicità. La pizza è un piatto democratico, un piatto che è alla portata di tutti. Ovviamente bisogna evolversi puntando sempre più sulla qualità e su ingredienti di primo livello. Ma sono convinto che la Margherita non cesserà mai di essere ordinata. Personalmente la scelgo sempre perchè mi permette di capire se una pizza è fatta davvero bene oppure no".

Pizzeria Le Due Sicilie
Via Cairoli, 136 - Barcellona Pozzo di Gotto (ME)
T. 345 4401374
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Chiuso: lunedì
Ferie: settembre
Carte di credito accettate: Tutte, tranne American Express
Parcheggio: Sì

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search