Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il personaggio il 18 Agosto 2015
di C.d.G.


(Davide Oldani)

Davide Oldani non sa stare fermo.

A novembre inaugurerà il suo nuovo locale a Manila che si chiamerà Foo’d. Ora, dall’1 settembre, come rivela il Corriere della Sera, lo chef, che ha avuto come maestri Gualtiero Marchesi e Alain Ducasse, si trasferirà a Venezia. Oldani, infatti, come ha rivelato, sarà consulente culinario creativo per il ristorante Aman Canal Grande Venice, il resort di lusso ospitato all’interno del cinquecentesco Palazzo Papadopoli.

Da Cornaredo, da dove si è formato, Oldani porta in giro quello che ormai è il suo marchio “D’O”, da Manila e fino a Venezia, che accoglie turisti da tutto il mondo. Ha sempre fatto delle cose ragionate e fatte con calma, il suo marchio di fabbrica, ma adesso Oldani sembra spingere sull’acceleratore. Nel 2013 ha tenuto una lezione ad Harvard, nei mesi scorsi ha parlato di lui il Wall Street Journal e ora è stato chiamato a Venezia dal manager Enzo Cassini di Aman. “Il mio obiettivo? – ha detto al Corriere - Portare tutta l’eleganza della cucina italiana nel ristorante di Venezia”.

Da settembre, perciò, l’executive chef Akio Fujita e il sous chef Riccardo Aliceto saranno affiancati da Oldani. E il menu tradizionale del locale – aperto sia per gli ospiti del resort che per esterni - sarà arricchito da otto piatti da lui firmati. Ci saranno Zafferano e riso, la ricetta creata per Expo; la Cipolla caramellata con Grana padano caldo e freddo, il simbolo della cucina di Cornaredo; e anche Sgombro in saor, aceto di lampone e panella di ceci. “Sarà il mio tributo a Venezia – racconta Davide -. Perché farò, certo, i grandi piatti italiani ma ci sarà anche un pizzico di tradizione locale, utilizzando i migliori prodotti del territorio veneto”.
Gli otto piatti cambieranno nel corso dell’anno, perché tutto sarà modificato in base agli ingredienti della stagione.

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Zaccardi

Pashà Ristorante

Conversano (Ba)

4) Provola affumicata dessert

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search