Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il personaggio il 18 Maggio2019


(Robert Parker)

Robert Parker, o meglio mr Wine Advocate, si ritira e va in pensione. Il mondo del vino internazionale perde uno dei suoi massimi esperti. Ad annunciarlo lo stesso Parker sul suo blog e con un post su facebook. La notizia ha fatto immediatamente il giro del mondo. 

"Mentre mi ritiro da The Wine Advocate - si legge nell'articolo - ho l’onore di passare il testimone alla nostra meravigliosa squadra. È giunto il momento per me di rinunciare con effetto immediato a tutte le responsabilità editoriali e di direzione. Brindo a tutti voi per aver fatto parte di questo viaggio e spero che tutti continuino a condividere l’entusiasmo per la scoperta dei vini con i nostri critici devoti".

Nell'articolo, firmato da Lisa Perrotti Brown, sua più stretta collaboratice, si ripercorrono le tappe di uno dei più grandi critici del mondo del vino mondiale. "Le origini di The Wine Advocate iniziano nel 1967, quando Robert Parker si prese una breve pausa dalla vita universitaria americana per fare il suo primo viaggio in Francia sulla scia di una giovane donna che studiava in Alsazia. Quella signora sarebbe diventata presto la signora Patricia Parker e lo è ancora oggi. Oltre a trovare la fidanzata, Parker scoprì il vino durante questo primo viaggio in Francia e ne sviluppò il gusto. A metà degli anni ’60, il progetto di The Wine Advocate prese piede nella mente di Robert Parker, ma i suoi amici e la sua famiglia, intenzionati a farne un avvocato, lo scoraggiarono in quanto fantasioso. Si è laureato all’Università del Maryland School of Law nel 1973 e si è unito a uno studio legale praticante vicino a dove lui e sua giovane moglie erano cresciuti, a Baltimora, nel Maryland. Ma il suo cuore professionale era già perso nel vino, e nel 1978 Parker decise di investire i suoi soldi e iniziò a pubblicare la sua guida enologica, The Baltimore-Washington Wine Advocate".

"All’inizio degli anni ’70, quando Parker stava pensando di scrivere la sua guida sul vino - continua l'articolo - fu catturato dall’opera di Ralph Nader, un attivista politico americano che cercava di "eliminare" la corruzione sfidando la propaganda compromessa. Parker riconobbe che gran parte di ciò che allora veniva scritto sul vino era compromesso dalle attività finanziarie di molti dei famosi scrittori di vino dell’epoca. Lui sognava una rivista che potesse essere libera da legami finanziari con le cantine e i commercianti, una guida che avrebbe prodotto opinioni completamente imparziali sui vini e che serviva solo gli interessi dei consumatori di vino. Una rivista che sarebbe stata finanziata esclusivamente dagli abbonati, le persone che la comprano, la leggono e la usano. E così, The Wine Advocate ha cominciato e rimane fedele fino ad oggi".

Nel 1973 il nome della rivista divenne Wine Advocate. Nel 1983, le controverse e brillanti recensioni di Parker sull’annata bordolese del 1982, degustata dalle botti delle cantine, crearono un grande scalpore tra la maggior parte degli altri grandi scrittori di vini che ritenevano che l’annata fosse eccessivamente matura e che i vini non sarebbero invecchiati. Quando Parker si rivelò essere nel giusto sulla grandezza di questa annata, la sua reputazione e la sua base di abbonati salirono vertiginosamente. Nel 1984 è riuscito a lasciare la sua carriera di avvocato per concentrarsi su The Wine Advocate e sul vino a tempo pieno. "Robert Parker ha creato il nostro sistema originale di classificazione dei vini in 100 punti con il primo numero di The Wine Advocate, che rimane lo standard del settore fino ad oggi", conclude l'articolo. 

A prendere il testimone da Parker, saranno Joe Czerwinski, Luis Gutiérrez, Monica Larner, William Kelley, Stephan Reinhardt, Mark Squires, Erin Brooks, Anthony Mueller, Liwen Hao e Lisa Perrotti-Brown.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Elio Mariani

Checchino dal 1887

Roma

1) Trippa alla romana

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search