Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il personaggio il 18 Novembre2021
Guido Marsella

di Alessia Zuppelli

Il Fiano di Avellino DocgG 2019 Guido Marsella ha conquistato il primo posto del podio dedicato a uno dei vini bianchi più emblematici della Penisola in occasione del Sud Top Wine, concorso enologico ideato e promosso da Cronache di Gusto che premia, appunto, le migliori etichette del Sud Italia.

Il produttore, dal quale prende il nome l’etichetta premiata, ci racconta la sua storia. Da quando, consapevole della longevità del Fiano, azzardò a proporlo in commercio un anno dopo la vendemmia, sino al rischio chiusura attività, per arrivare infine alla soddisfazione di avere avuto la pazienza di aspettare. Della “Vitis Apicia” importata dai greci in Campania Luigi Veronelli scrisse: "Superbo fra tutti il Fiano, un vino bianco – se avrà leggi severe e vignaiuoli coscienti – di eccezionale avvenire". Della sua profonda longevità e del suo eccezionale avvenire Guido Marsella, vignaiolo cosciente – per usare ancora le parole di Veronelli – ne è stato il fautore, svelandone, non senza difficoltà, la complessa quanto elegante personalità, sfidando nell’indifferenza e fra la diffidenza, sin dai suoi esordi le logiche del mercato e un certo modus bibendi.

Negli anni Novanta, e a dire il vero ancora oggi, tanti – forse troppi – i vini che vengono consegnati ai consumatori senza avere la pazienza di assecondare i tempi necessari. Marsella si definisce un “corretto” e rivendica con orgoglio e soddisfazione di essere stato il primo produttore a rilasciare il suo Fiano un anno dopo la vendemmia, e dal 2014 almeno diciotto mesi prima della commercializzazione. Una vera e propria rivoluzione se si pensa che spesso, non senza qualche forzatura, si imbottiglia dopo appena tre mesi, come racconta, non lasciando che il mosto si prenda il suo tempo. Una personale versione di Fiano “Riserva”, potremmo dire oggi, quasi ante litteram: "Quando io presentavo la ‘97 alcuni presentavano già la ‘99. C’è tanta onestà nel mio lavoro. Il mio Fiano è prodotto dal mio vigneto di circa dieci ettari a Summonte. Oggi mi definisco un piccolo, non faccio milioni di bottiglie, sono intorno le trentacinquemila. A distanza di anni, noto in giro la voglia di far capire come è stato realizzato questo prodotto e le potenzialità del Fiano. Ma di questo ne sono stato sempre convinto, del resto lo dicevano anche gli antichi che con il tempo il Fiano migliora, sprigionando quei sentori di nocciola, tostatura, ed elegante nota affumicata. Anche se non tutti la pensavano così come me. A nessuno, tanti anni fa, conveniva sfidare il tempo per motivi commerciali ed economici. I big spingevano nel dire che il Fiano precipitava dopo un anno, che si doveva consumare subito in quanto vino bianco. Ma la verità è che il Fiano, così come il Greco, ha una longevità impressionante. È proprio l’uva che lo consente. Dopo quattro anni dall’inizio della mia attività stavo per chiudere, avevo tantissimo invenduto. Poi è accaduto qualcosa di straordinario. Si è iniziato a capire che dopo due anni il Fiano era ancora buono, anzi stava solo iniziando a rivelarsi. Mi ha aiutato tantissimo Don Alfonso a Sant’Agata sui due Golfi in provincia di Napoli, devo a lui tantissimo. Anche Heinz Beck a Roma. Quando stavo perdendo forza, loro sì, ci hanno creduto".

A Summonte, in provincia di Avellino, a circa seicento metri di altitudine, dove affiora roccia e argilla, fra alberi di castagne e noccioline, Guido Marsella più di vent’anni fa inizia a coltivare ciò che nessuno aveva fatto mai in questo piccolo comune irpino: la vite. Non un’uva qualsiasi, ma quel nobile Fiano di Avellino preferito e conosciuto già dai commensali delle mense sveve e angioine: "Ho avuto da sempre la passione per la terra, la campagna è stata da sempre la mia vita. Parte del terreno l’ho ereditato da mio padre. Successivamente ho capito che qui poteva nascere qualcosa di straordinario. Summonte non aveva una piantina di uva, a parte qualche privato che ne possedeva qualcuna come se fosse quasi una pianta quasi ornamentale. Nessuno aveva mai osato di fare un vigneto qui. Il mio è tutto in salita, i terreni sono difficili da lavorare, sono composti da roccia argilla. Ho fatto delle operazioni con la scavatrice per preparare il terreno. Tutto nasce dall’uva. Da un’uva sana che non ha subito nessun tipo di forzatura. La mia potatura è drastica proprio per fare qualità. Dal vigneto si cerca di capire cosa fare in cantina. Ora Summonte è la fra zone idonee atte alla produzione di Fiano di Avellino Docg, sono stato fortunato. Non ho mai avuto problemi climatici qui, ma visti i cambiamenti in atto se dovesse succedere qualcosa si dovrà avere il coraggio di dire no ed eventualmente saltare una vendemmia".

Oggi Guido Marsella non ha più problemi a vendere il suo vino, né in Italia né all’estero e le sue prime vendemmie, garantisce, sono eccellenti ancora oggi: "Portare la mia correttezza negli Stati Uniti e in Giappone e non avere più problemi è stata la mia più grande soddisfazione. Certo è stato difficilissimo, ma a determinati risultati si arriva solo con il tempo. Solo il tempo da onestà e purezza del prodotto. Dono un vino longevo e porto un messaggio vero. Il mio Fiano è prodotto solo in acciaio, lo teniamo sulle fecce fini per un anno. Quando poi tutti i valori sono a norma questo mosto inizia a essere preparato, ma supera abbondantemente l’anno dalla vendemmia. Sono uscito da poco a 2021 inoltrato con la 2019". Solo al Fiano di Avellino il produttore offre il suo nome: "È tutto mio, e c’è tanto del mio lavoro raccontato nel bicchiere. A volte lo degusto in silenzio perché proprio il silenzio mi riporta a quello che ho fatto, a ciò che è successo in quell’annata. È come mio figlio, un’emozione".

Greco e Falanghina, le altre due etichette, sono uve acquistate che Marsella trasforma in purezza. Come in purezza vive la sua attività. È un viticoltore al quale piace raccontarsi e vivere quei momenti in cui proprio il racconto diventa protagonista: "Il Fiano viene apprezzato in ristoranti rinomati, in quei luoghi dove magari non c’è fretta, dove si ha voglia di capire cosa si beve e si mangia. I locali sono giusti dove c’è voglia di raccontare. Raccontare tutto quello che si presenta sul tavolo. Il mio Fiano si deve trattare come un rosso, va gestito con calma. Se si va di fretta, insomma, non lo consiglierei, anche perché nel calice dopo dieci minuti sembra di avere di fronte un altro vino. Cambia, si evolve, si esprime proprio per come è stato lavorato". In merito a temperature ottimali di servizio e abbinamenti il produttore suggerisce: "Bisogna fare attenzione, i sentori non si esprimono subito. La temperatura consigliata oscilla fra i 12° e i 14 °. Lo si può abbinare a formaggi e frutta secca. Su una vera mozzarella di Bufala va benissimo. Alcuni consumatori mi dicono addirittura come aperitivo. È versatile".

Semplicità e correttezza hanno gettato le basi della rivoluzione enologica del Fiano di Avellino da parte di questo vignaiolo cosciente e dalla forza tranquilla che è Guido Marsella. Due elementi che continuano a essere basi solide per le scelte future, e per le sfide in atto: "Fra le novità future sto preparando un vigneto biologico. Continuerò a rilasciare i vini sempre in “ritardo” evitando di lasciarmi andare dalla concorrenza agguerrita e a certe logiche di business. Vorrei che la passione resti quella di sempre come la mia correttezza nel fare il vino, e ora che ho una figlia il mio desiderio è trasmettere questo messaggio: farlo con semplicità e nel miglior modo possibile. Fare sempre di meglio, capendo quest’uva bellissima e come sta cambiando il mondo intorno. Bisogna capire sempre di più il tuo vitigno anche in funziona del clima, e quindi il lavoro che ci sarà da fare. Senza scoraggiarsi. Dobbiamo fare quadrare i conti è vero ma continuando a lavorare bene e seguendo i giusti principi".

Guido Marsella
Via Marroni, 1 - Summonte AV
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
+39 0825 691005

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Elio Mariani

Checchino dal 1887

Roma

1) Trippa alla romana

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search