Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il prodotto il 26 Marzo2014

La prima cosa che colpisce è il suo sguardo lucido, di chi ama quello che fa.

E non è cosa di poco conto, considerato che Baldo Cucchiara, a ventisette anni, come molti giovani della sua età, potrebbe desiderare una vita più “comoda”.

Lui invece, già da qualche anno, ha scelto la collina circondata da pascoli sulla quale sorge l’azienda di famiglia, il caseificio Cucchiara. Si alza ogni mattina all’alba, lavora fino a sera, anche nei fine settimana. Ci ha provato a stare lontano dalla campagna di Salemi nel trapanese. Si è iscritto all’Università di Palermo per studiare Agraria ma la passione per il formaggio lo ha riportato dritto dritto nell’azienda che oggi è gestita dal padre Salvatore e dallo zio Liborio. Baldo rappresenta la quarta generazione dei Cucchiara. Lui si occupa della caseificazione del formaggio e della stagionatura ma a lui è affidata anche la comunicazione dell’azienda. Èlui che si occupa di portare in giro turisti e visitatori che nel fine settimana si recano la caseificio. È lui che spiega come si fa il formaggio in tutte le sue declinazioni, dal pecorino siciliano dop al primo sale, dalla tuma alla Vastedda del Belice, anch’essa Dop, passando per la ricotta. E lo fa con la fierezza di chi è consapevole del lavoro che c’è dietro un prodotto di qualità.

“L’azienda Cucchiara, a partire da mio nonno e dal mio bisnonno, ha lavorato per migliorare la razza delle pecore dal punto di vista genetico e della qualità del latte”, racconta. Oggi conta circa 900 pecore che per quasi tutto l’anno se ne stanno libere a pascolare nelle terre circostanti il caseificio dove, ogni giorno, si lavorano 600 litri di latte.
Il caseificio fa parte del Consorzio della Vastedda del Belice del quale il padre di Baldo, Salvatore, è anche vice presidente e proprio la vastedda è uno dei fiori all’occhiello dell’azienda che, ad oggi, ne è la massima produttrice in Sicilia e la seconda per produzione di pecorino dop.

La vastedda  è uno dei pochissimi formaggi ovini a pasta filata. Per i Cucchiara è l’unico. Della sua lavorazione Baldo va particolarmente fiero perché, trattandosi di un prodotto dop, bisogna attenersi ad un rigido disciplinare che garantisce innanzitutto la qualità del latte utilizzato oltre ad uniformare gli standard di produzione. E poi ci vuole una grande esperienza unita ad un’ottima manualità per fare in modo che il formaggio, ridotto in fette sottili, a contatto con l’acqua bollente e opportunamente rimescolato con una paletta in legno, si fonda in un’unica massa. Solo a questo punto si può procedere con la filatura della cagliata e poi alla lavorazione che sfocerà nelle forme di vastedda che troviamo in commercio.   

Nelle foto che seguono, alcune fasi della preparazione della vastedda.


Baldo Cucchiara mentre affetta il formaggio


Il fomaggio viene tagliato a fette


Il formaggio tagliato viene messo nella cisca, un recipiente di legno


Poi si aggiunge acqua bollente


E si comincia a lavorare


La vastedda prima di esserte filata



La lavorazione


Salvatore Cucchiara forma la vastedda


  La vastedda nell'apposita forma in ceramica

Se in uno dei prossimi fine settimana volete concedervi una gita di primavera immersi nella natura, dirigetevi verso Salemi, superate il paese, cercate contrada Torretta e, nei pressi del sito archeologico Mokarta, troverete il caseificio Cucchiara. Chiedete di Baldo.

Clara Minissale

Azienda Cucchiara
C/da Torretta Salemi (Tp)
Tel: 3333419865
www.aziendacucchiara.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Isa Mazzocchi

Ristorante La Palta

Frazione Bilegno - Borgonovo Val Tidone

3) Ravioli di riso alle erbe selvatiche su zuppa aromatizzata al cocco

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search