Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 19 Novembre2022

di Federico Latteri

Tenuta Boccarossa è l'azienda di Michele Calabretta e Claudia Langer che, compagni nella vita, condividono anche la passione per il vino e sul versante nord dell'Etna hanno trovato i luoghi dove poter realizzare il sogno di produrre le proprie bottiglie.

Il progetto prende spunto dall'antica tradizione della famiglia di Michele che già alla fine dell'Ottocento svolgeva a Passopisciaro le attività di vinificazione e distillazione. L'approccio oggi rispetta ciò che è stato tramandato dal passato, ma ha anche una visione moderna, soprattutto per quanto riguarda qualità dei vini e ecosostenibilità. I vigneti si estendono complessivamente per 3 ettari e sono costituiti da piccoli appezzamenti sparsi tra il territorio di Randazzo (contrada Arena a 750 metri sul livello del mare) e quello di Castiglione di Sicilia (contrada Feudo di Mezzo e contrada Rampante a Passopisciaro e contrada Pontale Palino, coprendo un range di altitudini che va da 650 a 950 metri sul livello del mare).

(Claudia Langer e Michele Calabretta)

C'è poi mezzo ettaro da impiantare a Milo, sul versante est, dal quale sarà prodotto un Etna Bianco Superiore. Vengono coltivati in biologico (è presente anche la certificazione) esclusivamente vitigni autoctoni come Nerello Mascalese e Carricante, poi vinificati in purezza. Sono iniziati i lavori per realizzare la cantina nell'edificio di Passopisciaro che ospitava l'antica distilleria di famiglia.

(Contrada Arena)

Inoltre, prossimamente sarà aperta una struttura ricettiva nel centro storico di Milo, dove si potranno fare degustazioni e eventi. Seppur con piccoli numeri, la produzione è in costante aumento, dalle 2.500 bottiglie ottenute dalla vendemmia 2021 si è passati a 5.000 con l'annata 2022. Al momento sono due le etichette, un Etna Bianco e un Etna Rosso, alle quali presto si affiancherà un altro rosso prodotto dagli alberelli centenari di contrada Rampante.

(Pontale Palino)

Ci è piaciuto molto l'Etna Doc Rosso 2019, un vino che sa di territorio, riuscendo a regalare un'ampia e intrigante gamma di sensazioni che vengono espresse in maniera precisa con sobrietà e armonia. E' fatto con uve Nerello Mascalese in purezza provenienti da un vigneto di circa 80 anni di età situato a 750 metri sul livello del mare in contrada Arena a Randazzo. Si tratta di una piccola parcella di 0,4 ettari con viti che crescono su un suolo pietroso e sono allevate ad alberello a filare (alberelli “appoggiati”, cioè modificati in modo da formare filari).

(Contrada Rampante)

La vendemmia, manuale in piccole cassette, ha luogo durante la seconda decade di ottobre. La vinificazione è di tipo tradizionale e si svolge in tini aperti con una certa percentuale di grappoli interi. Vengono effettuate follature manuali per 10-12 giorni. Seguono la svinatura e una delicata pressatura. Una parte del vino matura in barrique usate per almeno 18 mesi, mentre l'altra parte affina in acciaio. Prima dell'immissione in commercio è previsto un periodo di permanenza in bottiglia di almeno 6 mesi.

Nel calice l'Etna Rosso 2019 si presenta di colore rosso rubino un po' scarico, tendente al granato. E' fine e variegato all'olfatto con profumi di cicliegia, amarena, mora, gelso nero, una nota floreale che ricorda la violetta, una sottile speziatura e un tocco lavico-ferroso. Colpisce l'eleganza, si potrebbe dire che il suo tratto distintivo è una sorta di “garbata complessità”. Il sorso è fresco, equilibrato, molto preciso nella tessitura, lungo e piacevolmente sapido in chiusura. Fitti e vellutati i tannini. Carica aromatica e slancio sembrano combinarsi al meglio a favore della facilità di beva. Davvero buono. Può essere abbinato a primi piatti della cucina di terra dal gusto intenso, carni rosse, maiale arrosto, selvaggina da piuma e formaggi a media o a lunga stagionatura.

Rubrica a cura di Salvo Giusino

Tenuta Boccarossa
Via Panebianco, 6 - Passopisciaro
Castiglione di Sicilia (Ct)
T. 340 6218115
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.tenutaboccarossa.it

IL VINO IN PILLOLE 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Carmine di Donna

www.carminedidonna.it

2) Babà

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search