Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'evento il 21 Giugno 2011
di Redazione

Per chi conosce bene il Vinitaly puo’ ben comprendere che Vinexpo é un’altra cosa. Se é meglio o peggio sta al gusto personale l’ardua sentenza.

Più pacata, più elegante, meno chiassosa , la fiera di Bordeaux rispetto alla «cugina » italiana si presenta cosi’ . Ma é anche vero che é molto più piccola, con meno aziende ad esporre (sebbene siano presenti i vini di tutto il mondo) e con una maggiore selezione degli ingressi, se si pensa che per un comune cittadino appassionato di vino il biglietto ha un costo di 60 euro, una cifra non certo accessibile a tutte le tasche. Per i francesi di Bordeaux, dunque, una elegante cittadina sulla Garonna, il Vinexpo è un’occasione attesa (il fatto di essere biennale la rende ancora più desiderata), ma quel clima da grande festa senza freni e inibizioni che si respira al Vinitaly qui non c’é. Frutto di una compostezza tutta francese, si potrebbe dire, ma non solo: il Vinexpo é soprattutto la fiera degli importatori più che della gente , l’evento al quale gli americani arrivano in elicottero per chiudere affari e non l’occasione che mobilita una città intera e la sua provincia, che moltiplica pani , pesci e alberghi come per il Vinitaly. Non si vedrebbe mai il ragazzino che con brio saltella per i corridoi per qualche sorso in più. E’ la fiera del detto sottovoce , delle grandi firme della moda (vedi Hermes) che espongono a pochi metri dalle bottiglie.
Per chi non la conosce, la struttura non ha i grandi padiglioni, come a Verona, ma é praticamente un unico corpo a forma di ferro di cavallo. C’é il meglio di tutto il mondo. Ogni area geografica, o quasi, é rappresentata. Ma non sempre con un criterio del tutto logico. Si pensi che l’Italia, che a Bordeaux ha portato 320 aziende, é sparsa un po’ qui e un po’ li’ per la fiera. Gaja, per esempio é da tutt’altra parte rispetto al resto della penisola, per non parlare della stessa Sicilia che alla fiera é un’isola felice, un agglomerato di stand a pochi passi dalla sala stampa.

Gaetano Luca La Mantia


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Giuseppe Molaro

Contaminazioni restaurant

Somma Vesuviana (Na)

4) Carota, bufala e pomodoro del Piennolo

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search