Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'iniziativa il 06 Luglio2011

Al via un progetto pilota in Sicilia per aumentare il consumo dei prodotti dell’Isola. L’iniziativa promossa dall’Associazione regionale allevatori

Al via un progetto pilota sulla frollatura della carne in Sicilia. Promuovere ed incrementare il consumo della carne siciliana migliorandone la qualità e le caratteristiche che non la rendono appetibile.

Questi sono gli obiettivi. A farsene paladino il commissario dell’Aras, l’Associazione  regionale allevatori della Sicilia, Alessandro Chiarelli (nella foto), nonché presidente della Coldiretti: ”E’ assurdo – afferma - che si promuova la filiera corta e poi si acquistino carni provenienti da altre nazioni, come la Francia ad esempio. Il progetto si propone dunque di aumentare il consumo di carne siciliana dando concretezza al concetto della spesa a chilometro zero ed aiutare, nello stesso tempo, la categoria degli allevatori. Settore che versa totalmente nella crisi”.
Si preferisce infatti acquistare, da parte del macellaio, e consumare, da parte del cliente, carne non nostrana ma con quella tenerezza caratteristica della carne che è stata frollata. O altrimenti si opta per la vitellina. “Ma il vero sapore della carne – dice sempre Chiarelli – sta nei vitelli più grandi”. È solo un problema di frollatura dunque, che “al Sud – spiega - eredita la tradizione araba secondo la quale la carne non si frollava perché per il troppo caldo andava a male. Ma oggi ci sono le celle frigorifero e quindi questo rischio non si corre assolutamente”.
Verrà dunque selezionato un gruppo di allevatori che provvederà a frollare la carne prima della vendita. La carne, portata all’osso, verrà tenuta sottovuoto per  due settimane. “I primi ‘esperimenti’ sono stati fatti – rivela Chiarelli – e sembrano avere risultati positivi. La carne frollata con questa metodologia è stata molto apprezzata nei tre ristoranti che hanno deciso di accogliere la ‘sfida’ acquistandola”. Entusiasta del progetto Angelo Treno, chef e titolare del ristorante di Piazza Armerina, ‘Al Fogher’: “Era ora. – esordisce – Sono d’accordo con l’iniziativa ma spero che si diffonda presto e che questa carne arrivi anche qui”.

Sandra Pizzurro

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Caterina Ceraudo

Ristorante Dattilo

Crotone

3) Spigola, limone candito e emulsione di spigola

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search