Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'iniziativa il 15 Dicembre2013


Pietro d'Agostino

Fiumi di “champagne”, italianissimo, dal trentino e dalla Franciacorta, e allegria e gioia da carnevale brasiliano.

Così è stata la festa per i dieci anni del Capinera, il ristorante stellato di Pietro D’Agostino, a Taormina, una celebrazione intima e platonica nel contempo, fra gli amici di sempre, e tra i più fedeli. E molti estimatori: colleghi, imprenditori, parlamentari nazionali e autorità pubbliche locali. Una festa senza cerimonie, né protocolli. Esclusi anche bilanci e prospettive, non un solo discorso celebrativo, una vera e propria rimpatriata dal sapore diverso.

«Ci vediamo al “Tuot và”, al locale storico di Taormina, non nel mio ristorante “La Capinera”», è stata la bizzarria dell’invito di Pietrino. Ma quando c’è lui al centro della scena con il suo sorriso perenne, la sua l'espressione di gaiezza, di contentezza, o del piacere, resa manifesta dal distendersi del volto e dalla luminosità dello suo sguardo (che lo fa apparire come un uomo che se ne fotte del successo, per sembrare solo  una persona di valore, che è quel che più conta e ben ci riesce), ogni ambiente va bene lo stesso.

Più che liberty, come lo stile della palazzina, il clima della serata coglieva tutte le essenze dello spirito mediterraneo; spensierato, di misurato buon senso, e con quella sua giusta dose, di  filosofia di base: non rinunciare a niente, con niente esagerare. Di esagerato una sol cosa.

Hanno campeggiato per tutta la sera, sul banchetto di servizio, una “Nabucodonosor” ed una Balthazar, due “bottiglioni” e due nomi di mitici re, ben dedicati al protagonista della serata. La prima, da 15 litri, lo “Spumante 61” della Berlucchi, la seconda, un Brut da dodici litri della Ferrari. Così quella ventina di chicche che Pietro ha preparato in cucina, tutti i classici dei suoi menu, sono passati quasi inosservati. E questa la dice lunga sulla prorompente atmosfera, di festa e di gioia, della serata.

Stefano Gurrera

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Lacalamita

Lula pane e dessert

Trani (Bt)

1) Tartelletta di stagione

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search