Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Giada Giaquinta

Christian Guzzardi
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Maddalena Peruzzi
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Marcella Ruggeri
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni
Alessia Zuppelli

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'iniziativa il 08 Giugno2020
Giuseppe Molaro

di Annalucia Galeone

Giuseppe Molaro, classe '86, originario di Somma Vesuviana dopo il diploma all'alberghiero di Ottaviano ha preso consapevolezza di un nuovo modo di vedere la ristorazione.

Ha un variopinto background: per due anni è stato chef di partita con Santi Santamaria al El raco de can fabes, poi al fianco di Heinz Beck ha maturato una lunga gavetta in giro per il mondo alla Pergola di Roma, al Les Paillotte a Pescara, in Portogallo, a Dubai e poi a Tokio come executive chef ha conquistato l'ambita stella Michelin. All'apice del successo, qual è la sfida più grande per un giovane talento? Giocare in casa o all'estero? Il dubbio ha fatto capolino tra le precedenti certezze. Al bivio, combattuto tra la scelta di scommettere sulla terra natìa, la voglia di riscatto e valorizzazione e l'alternativa cedere alle lusinghe di allettanti proposte lavorative in affermate realtà gourmet internazionali ha prevalso il cuore predilegendo la prima opzione. Lo scorso novembre i sogni e le apirazioni si sono materializzate. Ha inaugurato nel paese natio il suo Contaminazioni Restaurant.

Il nome ha un alto valore simbolico, indica la fusione di stili trasversali che si mescolano con armonia. Poi è arrivata la pandemia. “A volte il tempismo è la cosa più importante nella vita - afferma Giuseppe Molaro - Le circostanze, spesso, sono più decisive dei progetti. Stiamo affrontando un evento straordinario, improvviso e senza eguali. Vivo lo sconforto di vedere sfuggire dalle mani la realizzazione di un desiderio. Sono tornato a casa in un'epoca di cervelli in fuga. Poi, per me come per tutti, è arrivato il virus, se ha portato sfacelo in realtà già consolidate immaginate gli effetti su chi è agli esordi. Sono trascorsi mesi drammatici, in bilico, con scadenze da onorare senza aver la possibilità di lavorare. Siamo ripartiti con il delivery di ZioMì, la paninoteca”. Ziomì è un omaggio al papà, storico paninaro, è un “PoPub” offre carne selezionata e certificata, dietro ogni panino c’è uno studio attento sul tipo di pane da usare. “Il nostro settore è stato devastato da questo mostro - ribadisce Giuseppe Molaro - Ha colpito alla sua essenza, la convivialità e socialità. Chiediamo aiuto con soluzioni fattibili ed intelligenti per uscire da questo incubo e tornare a offrire emozioni oltre al buon cibo. Fra Contaminazioni e Ziomì è nata una famiglia di undici collaboratori”.

Al Contaminazioni Restaurant la cucina è eclettica, è un connubio di esperienze, Giuseppe conduce gli ospiti per mano in un viaggio gastronomico, tra oriente e occidente, alla scoperta di ingredienti e sapori poco conosciuti ma ben equilibrati, è una sinfonia nuova per le papille gustative. Adatta con meticolosità il rigore delle tecniche di conservazione, preparazione e cottura acquisite in paesi diversi e le combina sapientemente, lo spreco è ridotto al minimo, il rispetto della stagionalità è imprescindibile. Si riparte con tre percorsi degustazione. L'impronta nipponica seduce non solo con sushi e sashimi, i procedimenti tradizionali e moderni si combinano con competenza, si ispira al metodo warayaki per cuocere e affumicare allo stesso momento incendiando la paglia oppure al robataiaky per cotture con il binchotan, uno speciale carbone che non sprigiona odori sgradevoli. Nascono così il filetto di manzo o palamita affumicato al momento con erbe mediche e fieno, molto aromatico, oppure il risotto con i funghi shitake. “Non mi fermo mai perchè so bene che ogni sacrificio, ogni sforzo, è stato importante. Cerco di raccontare nei miei piatti cio che ho dentro - rivela Giuseppe Molaro - Tra un paio di mesi apriremo il bistrot Ziomì una originale formula senza alcun piatto fisso, le proposte, strettamente territoriali dipenderanno dalla disponibilità del mercato e l'estro del cuoco”.

Contaminazioni Restaurant
via San Sossio 2/abis - Somma Vesuviana (Na)
t. 081 1874 8325
www.molaroconcept.com
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Per ora chiuso a causa della pandemia
Carte di credito: tutte
Parcheggio: no

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2023 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search