Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervento il 03 Novembre2021
Sandro Boscaini con un grappolo di Oseleta

Un'araba fenice. Così Sandro Boscaini, patron della cantina Masi in Valpolicella racconta l'Oseleta, questa uva che si credeva scomparsa e che invece è stata recuperata e che oggi fa parte, a pieno titolo, delle uve utilizzate dal gruppo Masi nella produzione dei loro vini di punta.

"Già - dice Boscaini in un video pubblicato dalla pagina Facebook di Masi Agricola - l'Oseleta è una specie di araba fenice non solo delle uve veronesi, ma di quelle italiane. Un'uva quasi mitizzata, come prosegue "Mr Amarone", "tanto che ne parlavano sia mio padre che mio nonno, ma nessuno ne sapeva niente". Alla fine degli anni '70, però, la svolta: "Ho assaggiato un Amarone di un noto produttore della zona - prosegue Boscaini - e sono rimasto impressionato". Un assaggio avvenuto a fine vendemmia e quindi Boscaini non ha potuto vedere con i suoi occhi l'uva e il vigneto. "L'anno dopo tornai da lui per vedere e toccare con mano questa uva - racconta - Ho preo alcuni grappolini e delle foglie e li ho portati a Conegliano all'istituto di Viticoltura ed enologia per sapere di cosa si trattasse". Ed ecco la risposta: era la mitica uva Oseleta. "Un'uva molto tannica, acida, dai semi grossi rispetto alla dimensione degli acini, una buccia molto spessa e quindi apportatrice di molto colore - dice Boscaini - Ma ha poco liquido. E non solo ha pochissima resa nel vigneto, ma anche nella trasformazione da uva a vino. Siamo ben lontani dalla media del 67-70 per cento. Qui i arriva al 55, massimo 60 per cento. E questo è uno dei motivi per cui è stata messa da parte, oltre alla difficoltà nella raccolta". Ma Boscaini sottolinea: "Quando parliamo di biodiversità nel senso varietale, l'Europa ha una grandissima forza che è quella di poter mostrare al mondo e insegnare che non è sufficiente solo saper fare un ottimo vino - conclude - ma è necessario che attraverso le uve e la varietà autoctone i produttori sappiano esprimere il valore delle loro terre e l'ingegno delle loro genti".

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Patrizia Girardi

Amastuola Wine Resort

Crispiano (Ta)

4) Anche l'occhio vuole la sua parte

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search