Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La fiera il 22 Marzo 2012
di C.d.G.

La qualità non può prescindere dal territorio e non può che parlare di storia.

Così è quella made in SIcily e che l'Istituto Regionale Vini e Olii di Sicilia presenta al Vinitaly, una tradizione che ha mille anni di storia alle spalle. Al pubblico di Verona lo comunica con questo slogan “Stesso Sole, Stessa Terra, Stessa Anima”. L’immagine che sintetizza l’antichissima vocazione vinicola e olivicola dell’Isola  è l’anfora romana accostata alla bottiglia di olio e di vino. A significare che nulla è cambiato, il valore del prodotto è la sua storia, da sempre. A supportare la campagna di comunicazione sarà l’esposizione nel padiglione Sicilia di copie di anfore romane oggi custodite  nei musei siciliani proprio a testimonianza della multi-millenaria tradizione siciliana nelle produzione di vini ed olio di qualità e del loro commercio in tutto il modo fin da allora.

 

“Vogliamo confermare il legame tra innovazione e  tradizione. Le nostre eccellenze nascono qualche millennio fa, non dobbiamo inventarci nulla. In Sicilia dal tempo dei fenici agli arabi è stato portato il  patrimonio di vitigni autoctoni che deteniamo e la tradizione. Nel momento in cui diciamo che la storicità della nostre viti è un valore aggiunto non stiamo dicendo niente di eclatante. E’ così. Le nostre risorse portano la storia dentro. E abbiamo accostato l’anfora al wine code proprio per comunicare che sul filo di questa storia prosegue la modernità e l’innovazione”, spiega Dario Cartabellotta direttore Irvos e dirigente all’assessorato regionale Agricoltura.

 

Nella campagna di comunicazione protagonista è un'anfora del primo secolo avanti Cristo, parliamo di un contenitore che ha 2.100 anni, dove era applicata già allora un'etichetta ( il "pittacium"  latino ) sulla quale erano indicate le caratteristiche del vino in essa contenuto. Vi era riportato il nome del vino, l'origine siciliana con l'indicazione del produttore, l'annata, che era espressa con il nome del console in carica nell'anno della vendemmia il così detto anno consolare. Non a caso è stato scelta questa icona dall'Istituto, per comunicare la difesa e la tutela dell'origine territoriale del prodotto, valore determinante nel panorama del mercato internazionale e la carta che la Sicilia continua a giocare a Verona.

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search