Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La manifestazione il 09 Giugno2021

di Michele Pizzillo

A Milano si riprende lunedì 14 giugno con il banco di degustazione dei vini, per iniziativa dell’Associazione Go Wine che, in era pre-Covid, organizzava diversi eventi di degustazione tematicamente ben finalizzati, che hanno contribuito ad approfondire la conoscenza del panorama enologico nazionale.

E, il primo appuntamento dell’anno (sarebbe il caso di dire la prima “chiamata” post-Covid) è senza dubbio di grande impatto perché il capoluogo lombardo è la città da sempre scelta per l’annuale degustazione finalizzata a celebrare i vitigni autoctoni d’Italia, che nella situazione che stiamo vivendo, diventa una proposta nel segno della ripresa. Tutto, ovviamente, avvertono gli organizzatori, “si svolgerà in sicurezza e con il rispetto delle disposizioni in corso: su prenotazione in tre diverse fasce orarie e con numeri contingentati al fine di mantenere il distanziamento ed evitare assembramenti in sala; presenza di igienizzanti per le mani, utilizzo obbligatorio delle mascherine. Vi chiediamo attenzione su questo punto: è necessario prenotare per un corretto svolgimento dell’evento e utilizzo degli spazi a disposizione”.

E, anticipano da Alba, sede dell’Associazione GoWine “ai banchi d’assaggio sarà possibile scoprire ed apprezzare la straordinaria ricchezza e varietà del patrimonio viticolo italiano con una selezione importante di vini da vitigni autoctoni di diverse regioni, con un panorama di etichette e cantine articolato che darà voce anche ad autoctoni rari e da scoprire, spesso legati ad un solo o pochissimi viticoltori. Ad accrescere il valore della degustazione, l'opportunità di conoscere direttamente i produttori, fra aziende storiche e realtà emergenti, per celebrare la cultura del vino italiano e il rapporto tra vino e territorio, tema caro alla community Go Wine”. Associazione che, com’è noto, promuove il concorso letterario nazionale “Bere il Territorio” per coinvolgere, in un progetto culturale, giovani tra i 16 e i 24 anni, nonché gli studenti (di età compresa fra i 14 e i 20 anni) degli Istituti agrari italiani.

Il primo elenco delle cantine protagoniste, comunicato dagli organizzatori, vede la calabrese Tenuta Iuzzolini; i campani Marisa Cuomo e I Vignai del Casavecchia; gli emiliani Marengoni e Paltrinieri; i friulani Scubla Stanig; la ligure Lunae Bosoni; il lombardo Consorzio Club del Buttafuoco Storico; la lucana Cantine del Notaio; i marchigiani Fiorini, Mancinelli Stefano e Terre di Serrapetrona; i piemontesi Cascina Castlèt e La Tribuleira; i pugliesi Domus Hortae e I Pastini; i sardi Contini e Su’Entu; i siciliani Alessandro di Camporeale e Fausta Mansio; l’umbro Cantina Colle Ciocco; la valdostana La Source; i veneti La Tordera, Tenuta Sant’Antonio e Zeni 1870. Presenti, inoltre, collettive di consorzi e di associazioni di produttori come le “ Piccole Vigne del Piemonte con le cantine Ca ed Curen, Cascina delle Rocche di Moncucco, Cascina Sant’Eufemia, Luca Ferraris, Diego Pressenda. “Vite in Riviera”, nata nell’ottobre 2015, raggruppa ben 25 aziende vitivinicole ed olivicole, ubicate tutte tra le provincie di Savona e Imperia, con l’obiettivo di divulgare e promuovere i vini e gli oli liguri della Riviera di Ponente. A Milano, “Vite in Riviera” presenta in degustazione una straordinaria selezione di etichette, espressione dei principali vitigni autoctoni della regione e prodotti dalle cantine A Maccia, Anfossi Luigi Blaise, Arnasco, Biovio, Bruna, Cantine Calleri, Cascina Nirasca, Cascina Praiè, Coop. Viticoltori Ingauni, Durin, Enrico Dario, Feipu dei Massaretti, Foresti, Guglierame, Innocenzo Turco, La Vecchia Cantina, Lombardi, Podere Grecale, Poggio dei Gorleri, Ramoino, Sartori di Dulbecco, Sommariva, Tenuta Maffone, Vio Claudio. La veneta Vinonovo presenterà le cantine Barbaran Vigne e vini, Ornella Bellia, Pat de Colmèl Vini, Tenuta Vignega e la friulana Ascevi Luwa. Infine, tre cantine di “Viti, Vignaioli in terre di Irpinia” e, cioè, Cantina del Barone, Cantine dell’Angelo e Il Cancelliere.

Molte cantine sono presenti in “Cantine d’Italia 2021”, guida per l’enoturista pubblicata da GoWine e che segnala 790 cantine da visitare, 235 impronte d’eccellenza (riconoscimento che premia il valore enoturistico di cantine e, dunque, luoghi del vino italiano assolutamente da percorrere), 4.350 vini, 1.500 indirizzi per mangiare e dormire. Da questa ripartenza cambia la location degli eventi di GoWine, che dall’Hotel Michelangelo, vicino alla stazione centrale, approda in uno dei prestigiosi alberghi presenti nel cuore della città, lo StarHotel Rosa Grand, in piazza Fontana, praticamente all’ombra del Duomo. Per garantire la sicurezza dei partecipanti gli ingressi saranno contingentati e su prenotazione anche perché la degustazione verrà divisa in 3 turni che sono: ore 16-18, anteprima, degustazione riservata esclusivamente ad operatori professionali qualificati (giornalisti del settore enogastronomico, operatori di enoteche, ristoranti, wine bar e una persona per locale; 18-20 e 20-22, i due turni di apertura del banco d’assaggio al pubblico di enoappassionati.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Caterina Ceraudo

Ristorante Dattilo

Crotone

4) Olio e vino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search