Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

     LA RICETTA
tempura_65hp.jpg
Sfizio
italo-giapponese
    LA RICETTA

Sfizio italo-giapponese

Che il tempura non sia un’invenzione giapponese è ora che lo sappia anche chi non è ancora stato informato. Chissà perché ci piace tanto pensare che sia asiatico! D’accordo, sarà anche più carino servirlo ai nostri amici per cena in uno di quei servizietti cino-giapponesi che si trovano ormai dappertutto (comprensivi di bacchette) e che hanno quelle deliziose incisioni sopra, di cui non abbiamo la più pallida idea del significato. Credo che sia arrivato il momento di farci qualche domanda su ciò che mangiamo e soprattutto sulle origini delle pietanze che riempiono i nostri piatti.
Il tempura è una pietanza portoghese trapiantata in Giappone. Una delle tante ricette nate per esigenze di convivenza di culture diverse spesso imposte dalla storia per scopi politici o commerciali (come quella del tè in India). Il piatto sembra essere nato nel XVI secolo per mano dei portoghesi cristiani che, trovandosi per motivi commerciali in Giappone e astenendosi dal mangiare carne il mercoledì, venerdì e sabato (tempora in latino) per dedicarsi interamente alla preghiera, cucinavano soltanto verdure o pesce fritto in una sottile pasta. Da questa usanza, nasce il nome storpiato (questa volta dai giapponesi) tenpura.
Detto ciò mi sono chiesta come fare per preparare il tempura europeo, ovvero una ricetta simile a quella giapponese senza utilizzare particolari spezie o salse pre-confezionate. L’unico sfizio asiatico che mi sono concessa è un pizzico di curry. Ecco il risultato: un mix di coda di rospo e fiori di zucca in pastella con una salsina in agrodolce fatta con i resti della coda di rospo e pomodorini.



Ingredienti per 4 persone:
tempura2.jpg
Per il tempura

10 fiori di zucca
500 gr di coda di rospo
300 gr di farina
Acqua
1 uovo
Lievito in polvere
Salvia
Olio
Limone
Curry
Sale

Procedimento
Versare la farina setacciata in una terrina ed aggiungere lentamente l’acqua tiepida mescolando energicamente con una frusta (l’acqua va aggiunta a occhio, non esagerate perché potrebbe diventare eccessivamente liquida). Aggiungere l’uovo, il lievito e qualche fogliolina di salvia, continuare a mescolare. Salare solo alla fine. Lasciate lievitare per circa un’ora.
Nel frattempo, tagliate a tocchetti la coda di rospo e lasciatela marinare con olio, limone sale e curry per circa un’ora.
Appena sarà trascorso il tempo necessario, fate scaldare dell’olio extravergine d’oliva in una padella (sarebbe meglio un wok), affondate prima i fiori di zucca nella pastella e successivamente il pesce. Fate dorare e scolate in un foglio di carta da pane. Salate solo alla fine.



Ingredienti per la salsa agrodolce

ciò che resta della coda di rospo (lische, rimasugli vari)
100 gr di pomodorini
1 cipolla bianca
Sale
acqua
zucchero
aceto
olio

Procedimento
Tagliate grossolanamente una cipolla e lasciatela imbiondire in padella, aggiungete dell’acqua e fatela ammorbidire per 5 minuti. Gettate in padella i pomodorini e coprite per farli appassire. Quando si saranno ammorbiditi gettate anche la coda di rospo e da aggiungete un po’ di sale e curry. Togliete i resti della coda di rospo, versate qualche goccia d’aceto e un po’ di zucchero per rendere la vostra salsa agrodolce. Alzate il fuoco per far evaporare l’acqua e non appena si sarà ristretto inserite il tutto in un passaverdure con buchi mediamente grandi e versate in una terrina.
Per informazioni e suggerimenti scrivete a
laricetta@cronachedigusto.


Laura Di Trapani

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Michele Rizzo

Agorà ristorante di pesce

Rende (Cs)

1) Capesante alla piastra, broccoli e pomodorini

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search