Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Salone del Gusto 2008 il 30 Ottobre 2008
di

Un’ape dolce come il miele

AAA ape nera cercasi. E così, nel 1988, Carlo Amodeo si mise alla ricerca di questa rarissima specie oramai a rischio estinzione, spronato dal professor Pietro Genduso (allora docente di Entomologia presso la Facoltà di Agraria dell’Università di Palermo), conoscitore di questa rarità, e la trovò a Carini in un apiario abbandonato vicino all’aereoporto Falcone Borsellino di Palermo.

Lui, infatti, rimase sorpreso dal comportamento del tutto inusuale di alcune api che “ronzavano” con mansuetudine e popolosità, rendendole diverse dalle altre. Questa specie era infatti sopravvissuta per due anni alla varroa che aveva già distrutto interi alveari. Dopo averle fatte analizzare da un punto di vista biometrico ed elettroforetico si arrivò a individuarle come specie appartenenti a due famiglie di api sicule definite “mellifere Maior” (la Minor si è estinta).
Per questo motivo, non poteva di certo mancare all’edizione 2008 del Salone del Gusto di Torino questa specie unica che fa la sua comparsa in terra piemontese per la prima volta.
“Per evitare la consanguineità con le specie diverse - dice Carlo Amodeo, oggi iscritto dall’I.N.A. nell’albo nazionale allevatori di regime come unico allevatore di api sicule - sono state spostate in tre isole delle Eolie. La differenza con le altri api, tra cui la ligustica, è che la Maior è estremamente docile, per cui ogni operazione viene fatta senza l’uso della maschera, ha uno sviluppo precoce della covata, è reattiva alla fioritura (quindi quando le altri api vanno in glomere inizia a deporre normalmente), è meno soggetta ad alcuni tipi di malattia, ha un basso consumo di miele e una buona capacità di svilupparsi anche partendo da piccoli nuclei. Ciò permette di creare un miele unico”.
Grazie a questa scoperta, che ha permesso la nascita del presidio Slow Food, Carlo Amodeo ha iniziato la sua attività di apicoltore alle pendici del parco del San Calogero, ed è lì che smiela, invasetta e immagazzina il prodotto estratto per forza centrifuga a freddo e non sottoposto ad alcun trattamento termico che danneggerebbe l’integrità del miele; gli apiari, invece, sono dislocati in tutta la Sicilia, soprattutto nelle isole Eolie, in quanto avendo orientato la produzione del miele soprattutto verso i mieli monofloreali si rende necessario trovare grandi estensioni di fiori della stessa specie e non sono trattati chimicamente ma con prodotti naturali e, quindi, non soggetti al processo di cristallizzazione. Tra i mieli prodotti quello di acacia, di agrumi, di aneto, di arancio, di astragalo nebrodensis, di cardo, di eucalipto, di castagno, di mandarino di Ciaculli e, ovviamente, quello di millefiori. Una vera bontà che si scioglie in bocca.

Rita Vecchio


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Ciro Scamardella

Pipero

Roma

1) Raviolo di cavolfiore, vaniglia e capasanta

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search