Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vinitaly 2012 il 27 Marzo2012

E’ in grado di competere con i Sauternes nonostante sia nato da un errore. Stiamo parlando del recioto di soave dell’azienda agricola Tamellini di Costeggiola di Soave.

Ha avuto una maturazione delle uve maggiore rispetto a quella prevista, ed è questo il segreto del suo successo. La raccolta delle uve per la prima volta, infatti, è stata fatta a metà marzo piuttosto che nei precedenti come è da tradizione. L’appassimento prolungato ha dato così quella morbidezza ed eleganza che caratterizza i più famosi vini francesi.

Un sapore equilibrato è quello che trasmette al palato grazie al clima che mitiga la sua acidità che non lo rende stucchevole ma piacevole, di pronta beva con una persistenza.

Seimila e quattrocento le bottiglie prodotte, il gusto è intenso e fine, etereo, con profumi di miele, fichi secchi, albicocca passita. Si presta con dessert, pasticceria secca, formaggi stagionati anche erborinati.

Più tecnicamente, in bianco, il suo appassimento avvienne dopo 5 mesi sui graticci delle uve selezionate in vigna. Il mosto viene lasciato decantare a 5° C, la fermentazione si svolge a temperatura controllata in vasche di acciaio, dove il vino matura per 8-10 mesi, quindi viene imbottigliato e lasciato ad affinare per 5 mesi.

A.P. - MA.P

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Isa Mazzocchi

Ristorante La Palta

Frazione Bilegno - Borgonovo Val Tidone

1) Filetto di boccalone con pomodori alla ricotta di capra

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search