Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vinitaly 2012 il 27 Marzo2012


Il governatore Niki Vendola e l'assessore Dario Stefàno

Al Vinitaly è stata presentata la nuova rivoluzione culturale del territorio pugliese, le Masserie Didattiche.

Il progetto patrocinato dall’assessorato alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia sull’educazione alimentare rivolta ai bambini è stato l'evento clou della terza giornata del Vinitaly al padiglione 10. Dai salumi ai formaggi ai vini, una degustazione alla presenza del governatore Niki Vendola e dell’assessore regionale all’Agricoltura Dario Stefàno. E' stata l'occasione per raccontare, tra una portata e l’altra, obiettivi e traguardi raggiunti da uno dei circuiti più attivi d’Italia che sta richiamando e riavvicinando alla cultura rurale migliaia di turisti e gente del luogo. E soprattutto giovani.

“Sono loro che stanno portando avanti la filosofia delle Masserie Didattiche facendone una nuova frontiera per l’occupazione – ha dichiarato Vendola -. Siamo davanti ad un esempio concreto di come la cosa migliore del nostro passato può essere quella migliore del nostro futuro. Cominciando la rivoluzione culturale dalle scuole possiamo contrastare la filosofia del fast food, la cattiva cultura degli Ogm. Dopo un anno di promozione nelle scuole, abbiamo notato che nelle famiglie si sta cominciando a mangiare meglio, perché i bambini stanno diventando i promotori di un modo sano di nutrirsi. La nostra civiltà del resto è cresciuta e si è evoluta perché è cresciuta la cultura del pane, quella del vino, dell’olio”.

Integrando azioni di promozione del territorio e delle tradizioni agroalimentari locali presso le scuole e presso le masserie, la promozione del territorio gioca su più fronti coinvolgendo tutti. Da nord a sud della regione, il richiamo delle masserie didattiche si starebbe diffondendo come un virus.  “In un paio d’anni la rete è cresciuta e si sta attivando come un virus contagioso. Questo perché si è capito che i prodotti agricoli non sono più e solo alimenti primari, sono prima di tutto cultura. Con le Masserie Didattiche stiamo diffondendo il valore dell’agri-cultura. Quello che fino ad ora abbiamo fatto con il vino adesso lo stiamo facendo coinvolgendo i produttori agricoli incentivando un’agricoltura di concezione moderna e multidisciplinare – ha commentato Stefàno”.

La Puglia avrebbe trovato quindi la chiave per preservare biodiversità, sapori, saperi e identità in un’unica soluzione. “Abbiamo portato il progetto al Vinitaly perché per noi è il modo più evidente per manifestare il nostro orgoglio identitario – aggiunge l’assessore -. La nostra identità sta nella traccia agricola e questa rappresenta l’autenticità di una lingua che garantisce la nostra esclusività”.


Capocollo, pancetta arrotolata, soppressata,
caciocavallo podolico e pecorino da latte ovino di razza Gentile



Vini in abbinamento ai prodotti delle masserie didattiche

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Isa Mazzocchi

Ristorante La Palta

Frazione Bilegno - Borgonovo Val Tidone

1) Filetto di boccalone con pomodori alla ricotta di capra

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search