Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vinitaly 2012 il 27 Marzo2012

di Massimiliano Montes 

Nicolas Joly (nella foto), fondatore della prima associazione al mondo di vini biodinamici “La Renaissance des Aoc” ed ispiratore del movimento dei vini naturali, è presente al Vinitaly al padiglione Vivit dedicato ai produttori biodinamici e naturali.

Noi ne abbiamo approfittato per fargli qualche domanda.

Nicolas, come hai trovato la sistemazione dei produttori e l’organizzazione dello stand Vivit?
"Pessima. Gli spazi sono risicati ed i produttori sono costretti a stare gomito a gomito l’uno con l’altro. Non ci sono i minimi spazi vitali né tantomeno la possibilità di appartarsi con appassionati ed operatori del settore".

Tornerai l’anno prossimo?
"No. Avevo comunque deciso di partecipare a questa manifestazione ad anni alterni, ma non sono ancora certo che sarò qui tra due anni. Lascio comunque i miei associati liberi di partecipare se vogliono".

Cos’è il vino per te?
"Il vino non è un prodotto commerciale, non è qualcosa che si produce solo per fare soldi. Il vino deve suscitare emozioni, è uno strumento per comunicare i colori dell’anima e della vita. Un vino che non è capace di suscitare emozioni è morto, inutile. Produrre un vino con metodi naturali significa consentirgli di esprimere tutti gli aromi ed i profumi della terra e dell’uva da cui proviene".

Cosa pensi della nuova normativa europea sul vino biologico?
"Non ne penso bene. E’ poco utile, come una rete a maglie molto larghe attraverso le quali può passare quasi di tutto. Sembra disegnata a tavolino per consentire ai grandi produttori industriali di riconvertire una parte delle coltivazioni a regime biologico per potersi fregiare in etichetta della dicitura “Organic”, biologico".

Quali sono le regole più importanti che chiedi di rispettare ai tuoi associati?
"Non si può affermare di produrre un vino con metodi naturali ma non consentire un controllo sulla veridicità delle proprie affermazioni. La produzione di vino naturale non significa soltanto coltivazione biologica, ma escludere in cantina tutte quelle metodiche e quei prodotti enotecnici che snaturano il vino. Per l’ammissione chiediamo ai produttori una serie di analisi chimico-fisiche che certifichino l’assenza dei prodotti di sintesi da noi banditi. Superato questo primo scoglio i campioni di vino sono sottoposti ad un’analisi sensoriale da parte di un panel di degustatori della nostra associazione. Soltanto i vini che ricevono l’unanimità dei consensi vengono accettati.
Infine chiediamo ai nostri associati la disponibilità a controlli casuali in cantina senza preavviso. Chi non accetta le nostre regole è fuori da Renaissance".

Cosa pensi delle due principali associazioni italiane di vini naturali, Vinnatur di Angiolino Maule e Vini Veri di Giampiero Bea?
"Non voglio esprimere un'opinione su Giampiero Bea. Angiolino Maule invece potrebbe essere un ottimo interlocutore in Italia. Ma per poter avere una collaborazione proficua con Vinnatur Maule dovrebbe accettare le nostre regole: analisi chimico-fisiche periodiche e controlli casuali in cantina senza preavviso. Se accetta questo potremmo anche giungere ad un accordo".

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Isa Mazzocchi

Ristorante La Palta

Frazione Bilegno - Borgonovo Val Tidone

1) Filetto di boccalone con pomodori alla ricotta di capra

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search