Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vinitaly 2012 il 27 Marzo 2012
di C.d.G.

Vini in anfora georgiani, tanta storia alle spalle ma ancora molta strada da fare.

Otto mila candeline spente da poco ma per nulla dimostrate. Sono stati presentati sei vini vinificati in anfore da Slow Food,  dalla varietà Superavi, Vanis, Chkhaveri, Otskhanuri sapere e dzelshavi si ricava un ‘ottimo vino rosso mentre  il bianco viene ottenuto dalle uve Triska, Tsolikouri Kraukhuna. Nomi poco noti nel mondo vinicolo italiano, ma dai quali si ottengono antichi vini.

A caratterizzare i calici la tecnica di vinificazione fatta in grandi anfore di terracotta che vengono interrate per consentirne la fermentazione e poi l’affinamento dei vini.
Un metodo che rischia di scomparire e che Slow Food vuole salvare.

I vini bianchi molto vegetali, conservati in anfore per 6 mesi acquistano la loro personalità dalle bucce e dal raspo. Tsitska – Tsolikouri, il primo bicchiere degustato: mille bottiglie per un ettaro prodotte per hobby. Mentre più duro l’Akhobe Rkatsiteli, molto corposo, invece ha molto carattere il Chadakhi Chinuri, senza rinunciare a tocchi di muschio. Ma sempre lontani dai gusti freschi e fruttati dei bianchi italiani.

Pochi tannini e molti solfati nei rossi, forse esageratamente distanti dai gusti tradizionali. Kaka Berchvili, Nika Saperavi e Otskhanuri Sapere in nomi dei vini in degustazione.

Aurora Pullara


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

1) Crocchetta di stoccafisso e crema di capperi

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search