Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vinitaly 2012 il 27 Marzo2012


Da destra Dario Cartabellotta, Marino Breganze, Antonio Rallo,
Fabrizio Carrera, Giuseppe Castiglione, Mario Rossini

Antichi vini siciliani a Sicilia en Primeur. Nomi poco noti ma dai gusti che rapiscono e che ti fanno fare un viaggio a ritroso nel tempo.

Flaubert la chiamava sinestesia, ricordare attraverso i sensi, l’obiettivo della ricerca di Attilio Scienza è farlo con il gusto di antichi vini. Vitigni antichi che stanno “resuscitando” attraverso la memoria dei viticoltori più anziani, testimonianze e racconti che stanno portando alla luce un’infinità di varietà poco conosciute e spesso sconosciute alle generazioni più giovani.

Il professore Scienza, ha dato un accenno delle sue ricerche alla presentazione al Vinitaly della nona edizione di Sicilia en Primeur alla presenza del presidente dell'Associazione antonio Rallo, del presidente della Provincia di Catana Giuseppe Castiglione, di Marino Breganze presidente di Bancanuova e del vicedirettore generale dell'Ente Fiera di Verona Mario Rossini.

“Sono due le tematiche essenziali che potranno donare grandi prospettive alla Sicilia – spiega il professore – l’enorme ricchezza genetica che possiede e gli uomini del territorio”.

E che la Sicilia è la culla della storia non è una novità, e se proprio dobbiamo osare, non è neanche una novità dire che bisogna conoscere la storia per migliorare il presente. Ma in questo caso la storia si sposa con il vino e vitigni siciliani e diventa protagonista della manifestazione siciliana ma  l’ambito antropologico spesso trascurato “Interessante è stato capire il  rapporto genetico tra le varietà dei vitigni siciliani, ne abbiamo individuate 70, alcune attraverso i resti di alcuni vigneti, altre sono ancora vive solo nella memoria di alcuni viticoltori anziani che abbiamo ascoltato e intervistato”. Poi continua : “Siamo riusciti a ricostruire l’origine di queste varietà e in nessuna parte del mondo esistono queste tipologie. Abbiamo ricostruito e scoperto che alcuni vitigni hanno rapporti molto stretti con la Magna Grecia attraverso il percorso genetico di queste varietà, basti pensare al Sangiovese. Addirittura abbiamo identificato 10 tipologie di sangiovese”.

L’obiettivo della ricerca? “Raccontare e spiegare anche ai nuovi consumatori l’importanza del tempo e non solo dello spazio, con due fini, uno utile che è quello di vendere e quello dilettevole che è capire il processo del bere”.

E l’Etna, dove si svolgerà la nuova edizione di Sicilia en Primeur è uno dei territori più ricchi di vitigni antichi: “Secondo lo studio la Sicilia insieme alla Campani e alla Calabria costituivano il cosiddetto “triangolo di acclimatazione” dove i coloni greci portavano i loro vitigni, che attraverso altri incroci hanno dato vita a questi formidabili esemplari”. Dei nomi? “Sono tantissimi – dice Scienza – ne abbiamo individuato una decina eccezionali, tra cui Zucchero e Cannella, Rosineddu, Visperola e Minnella, dalla forma del acino”.

ph: Igor Petyx

Aurora Pullara               

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Isa Mazzocchi

Ristorante La Palta

Frazione Bilegno - Borgonovo Val Tidone

2) Raviolo di ravioli in sei stagionature di Parmigiano Reggiano

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search