Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Taormina Gourmet 2019 il 28 Ottobre2019


(ph Vincenzo Ganci)

di Manuela Zanni

A condurci "a spasso" tra i vini laziali, areale dalla cultura viticola antichissima, Anton Börner proprietario della cantina Ômina Romana della zona di Velletri, i cui interesse e passione per l’archeologia, hanno portato a scoprire questo territorio, dal quale anticamente proveniva il vino che animava le feste alla corte dell’Impero romano.

Da questa passione nasce la visione che ha ispirato la famiglia Börner a rivalutare e valorizzare una zona viticola storicamente così importante. Si tratta di un territorio unico che insiste tra le colline vulcaniche e verdeggianti dei Castelli Romani che si affacciano sul Mar Tirreno, pochi chilometri a sud della città di Roma. Caratterizzata da condizioni pedoclimatiche particolari, con suoli di origine vulcanica che presentano sostanziali differenze a poca distanza uno dall'altro. Così, oggi l’azienda Ômina Romana, produce vini da vitigni internazionali e autoctoni espressione di una perfetta sinergia tra i vitigni e i diversi suoli della tenuta. “Archeovino, seguendo la tradizione dell’Impero Romano” è infatti il titolo della degustazione orizzontale dei vini dell’azienda Ômina Romana, che sarà condotta da Herr. Börner insieme a Federico Latteri di Cronache di Gusto e Nando Papa, Head sommelier del Verdura Resort di Sciacca in provincia di Agrigento.


(ph Vincenzo Ganci)

Ecco i vini in degustati di cui tre rossi e tre bianchi 

Hermes Diactoros II 2018
Un blend di Incrocio Manzoni, Viognier e Chardonnay di un bel giallo paglierino e naso con intriganti note di fiori bianchi e frutta a polpa gialla. In bocca ha un sorso freschissimo e infinitamente lungo che ne fa agognare il successivo. 

Chardonnay 2016
Mostra un bel giallo dorato con naso di vaniglia e caramello regalo di un legno presente ma non invasivo. Il sorso è equilibrato ma l'affinamento in bottiglia gli regalerà ulteriore distensione. 

Viognier Linea Ars Magna 2016
Giallo paglierino con riflessi dorati. Al naso manifesta tutte le caratteristiche tipiche del vitigno tra cui le note di frutta tropicale e  agrumi pungenti come il bergamotto impreziosita da note leggermente fumè. 

Cesanese 2015
Cesanese in purezza. Rosso rubino scarico. Mostra un naso di sottobosco, humus e funghi. In bocca il sorso è dritto e pulito e impregna piacevolmente il palato. 

Merlot Linea Ars Magna 2015
Rosso rubino intenso. Al naso emerge un frutto integro con intense note di marasca, amarena e ribes smorzate da sentori di china. In bocca il tannino, seppur non pienamente svolto, è gia smussato ed elegante. Un vino che piace ma non "piacione". 

Cabernet Franc Ars Magna 2015
Rosso rubino cupo. Naso molto particolare di frutti rossi, spezie pungenti come pepe nero e noce moscata. In bocca il sorso è pulito anche se lievemente sottotono rispetto al naso. 

Ceres Anesidora 2015
Il naso mostra un bel frutto ancora giovane e pieno di aspettative. In bocca è intenso, sorprendente ed elegante e mostra un grande potenziale come un "atleta" che si prepara alla gara e che ha tutti i "numeri" per vincere.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Caterina Ceraudo

Ristorante Dattilo

Crotone

3) Spigola, limone candito e emulsione di spigola

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search