Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Taormina Gourmet 2019 il 28 Ottobre 2019
di Fabrizio Carrera


(Enrica Spadafora e Francesco Spadafora - ph Vincenzo Ganci)

di Manuela Zanni

Continua a restare in alto l'asticella delle masterclass della terza ed ultima giornata Taormina Gourmet 2019 che ha avuto come protagonista uno dei rossi di punta della cantina dei Principi di Spadafora. 

L'azienda si trova nell'areale di Monreale, in provincia di Palermo ed è stata la protagonista di un vero e proprio viaggio nel tempo dagli inizi di questo millennio fino al giorno d'oggi, momento in cui, nonostante la grandezza raggiunta dall'azienda, continua ad essere a conduzione familiare. "In questi vini c'è la storia non solo della nostra famiglia, ma di tutti i siciliani - ha spiegato il Principe Francesco Spadafora - Nasco agricoltore e amo curare la terra, l'unica in cui realmente ritrovo le mie radici". Protagonista della degustazione verticale è uno dei Syrah più buoni mai prodotti, il Sole dei Padri, rosso di punta dell’azienda dei Principi di Spadafora nelle colline tra Alcamo e Camporeale, tra le province di Trapani e Palermo.


(ph Vincenzo Ganci)

Prima annata in bottiglia è stata la 2000 perché vi sono state annate in cui non è stato possibile produrlo perché le uve non erano all'altezza. La nota cantina di contrada Virzì produce il suo Syrah più importante da una sola vigna a 400 metri sul livello del mare in un terreno sabbioso e argilloso.   

Queste le annate degustate

Sole dei Padri 2009
Rosso rubino intenso con riflessi violacei. Naso incredibilmente ricco e versatile che lascia spazio all'immaginazione e conduce a spasso in una passeggiata tra i boschi di cui mutua non solo le note di frutti di bosco ma anche i sentori balsamici dell'eucalipto. In bocca il sorso è compiuto ma ancora in evoluzione. Un "giovincello" che ha ancora tanto da  dare. 

Sole dei Padri 2008
Rosso rubino con riflessi violacei. Il naso, inizialmente chiuso, si apre con sentori fruttati e floreali ben delineati. In bocca il tannino è ancora "in fasce" e dimostra un grande potenziale di invecchiamento. 


(Il principe Francesco Spadafora - ph Vincenzo Ganci)

Sole dei Padri 2006
Annata calda. Naso austero e complesso di piccoli frutti rossi misti a note di ginepro, cuoio e torrefazione. Il sorso sorprende per freschezza e intensità e promette di durare ancora tanti anni poiché mostra una tessitura tannica ancora integra. 

Sole dei Padri 2005
Annata fresca ha regalato un frutto che ha dato origine ad un vino rosso rubino intenso dal naso estremamente complesso. Il sorso è equilibrato e resta a lungo impresso al palato con eleganza e armonia. 


(ph Vincenzo Ganci)

Sole dei Padri 2003
Rosso rubino intenso. Il naso offre un ampio spettro gusto-olfattivo. In bocca il tannino è robusto e ancora vigoroso. Un vino che sembra avere ancora tanto da dire. 

Sole dei Padri 2002
Rosso rubino  lievemente tendente al granato. Al naso intense note balsamiche che aprono la strada ad frutto ancora integro che non appare affatto appesantito dal tempo ma, al contrario, impreziosito. In bocca è un tripudio di aromi, dal sorso scalpitante  mostrando un tannino  vivace ed estremamente elegante.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Donato De Leonardis

Don Alfonso San Barbato

Lavello (Pz)

3) Faraona ripiena con il suo filetto tartufato e verza

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search