Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Angelita Emanuele

Angelita Emanuele
Cave Ox
Solicchiata (Ct)

Preparare i maccheroni a mano con:
1/2 kg. Di farina “Petra” tipo 1, biologica, semintegrale e rimacinata a pietra.
5 g di sale e acqua quanto basta .
Per il ragù :
400 g di macinato (metà vitello e metà maiale dei nebrodi)
1 carota
1 cipolla
Un po’ di sedano
1 bottiglia di salsa di pomodoro
Una manciata di bacche di ginepro di Timparussa
1 foglia di alloro secca
Scagliettine di parmigiano a piacere.

Lasciare soffriggere la cipolla, la carota e il sedano tagliuzzati sottili, aggiungere la salsa di pomodoro, inseguito il ginepro, e l’alloro. Lasciare cuocere per almeno un’ora e mezza a fiamma bassissima.
Sbollentare i maccheroni fatti a mano per più di 10 minuti e poi farli saltare con la salsa.
E servire con un po’ di parmigiano.

Angelita Emanuele
Cave Ox
Solicchiata (Ct)
 

 

Ingredienti
2 mele dell’Etna
Della pastella fatta con acqua frizzante, farina 00 e un pizzico di sale.
Mezzo bicchiere di crema bianca profumata solo con scorza di limone
Zucchero al velo
Cannella
Olio di semi di buona qualità

Procedimento
Sbucciare le mele, togliere il torsolo, affettarle, passare in pastella le fette e soffriggere nell’olio già caldo con la fiamma bassissima in modo che l’olio non si bruci .
Riporre le fette leggermente dorate su un vassoio e spolverarle con zucchero al velo e cannella.
Su metà delle fette , possibilmente le più larghe passare sopra un po’ di crema ed appoggiare le fette rimanenti sulla crema.
Servire fredde.

Angelita Emanuele
Cave Ox
Solicchiata (Ct)

Ingredienti
200 g circa di riso
2 nodi di salsiccia dei Nebrodi
Una manciata di cavolicelli sbollentati in pochissima acqua
Parmigiano grattugiato a piacere
Farina 00
Mollica di pane
Acqua e sale

Procedimento
Cuocere il riso nella doppia quantità d’acqua e un pizzico di sale a piacere, ad esempio un bicchiere di riso e due di acqua. A giusta cottura porre il riso in una teglia e lasciarlo raffreddare un pochino, esso assorbirà l’acqua in più e si asciugherà. Nel frattempo amalgamare al riso del parmigiano e un po’ di cavolicelli cotti e tagliuzzati piccolissimi e lasciare raffreddare.
Cuocere la salsiccia a pezzettini e alla fine aggiungere i cauliceddi già cotti.Col riso formare gli arancini mettendo al centro di essi salsiccia e cavolicelli. Passare gli arancini nella pastella preparata con farina acqua e un pizzico di sale e poi sulla mollica di pane. Soffriggere in abbondante olio che durante la cottura deve ricoprire gli arancini totalmente.

Angelita Emanuele
Cave Ox
Solicchiata (Ct)

Ingredienti
350 g di pasta “ ruvidelli ”
200 g fagiolino mascalese
Olio extravergine d’oliva
A piacere
Ricotta rinfornata “tipica siciliana”

Preparazione
Sbollentare il fagiolino avendo cura di ottenere la giusta cottura. Col mestolo tirar fuori dall’acqua il fagiolino e porlo nel tegame dove abbiamo fatto dorare due spicchi d’aglio, un po’ d’olio d’oliva a fiamma ormai spenta.
Far bollire la pasta “ruvidelli” nella stessa acqua dove abbiamo lasciato cuocere i fagiolini e a giusta cottura tirar fuori col mestolo e farla saltare con i fagiolini. Porre nei piatti e grattugiare della ricotta rinfornata sopra.
Solo a chi lo gradisce consiglio di aggiungere sul piatto qualche tocco di peperoncino rosso fresco

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search