Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il caso il 13 Luglio 2017
di C.d.G.

L'azienda Terre e Tradizioni rinuncia ai diritti esclusivi di utilizzare i due nomi: "Un'azione fatta solo per spiegare il vuoto normativo"

"Rinuncio alla difesa dei marchi Tumminia e Timilia, lasciandone il libero uso a tutti, promettendo, altresì, l'assoluto impegno di fare della mia azienda la paladina della difesa dei grani antichi effettuando rigorosi controlli al fine di colpire e smascherare i furbetti di turno".

Sono le parole che Felice Lasalvia di Clemente, amministratore unico di "Terre e Tradizioni" ha rilasciato al collega del Giornale di Sicilia Max Firreri. La società, tramite i propri legali, aveva diffidato coltivatori e commercianti siciliani ad utilizzare i termini Tumminia e Timilia (leggi qui). Arriva ad una conclusione, dunque, il caso che aveva suscitato molte polemiche nei giorni scorsi, soprattutto da Filippo Drago, mugnaio di Castelvetranom in provincia di Trapani che aveva raccontato, sempre al Giornale di Sicilia, di essere stato informato da alcuni suoi clienti di aver ricevuto lettere da parte degli avvocati su questa situazione del divieto di utilizzare i termini Tumminia e Timilia. I marchi erano stati registrati dalla stessa azienda Terre e Tradizioni nel 2013, poco prima del fallimento e dello spostamento della sede legale a Verona. Trovando i marchi registrati, l'azienda ha pensato di richiedere i diritti su di essi: "Si è voluto attirare l'attenzione sulla necessità di dare delle regole e dei protocolli da rispettare - dice Lasalvia Di Clemente - per potersi fregiare del nome di quelle specifiche varietà evitandone gli abusi in danno di agricoltori e dei consumatori. La nostra azione ha avuto il compito di sopperire al vuoto normativo. Tumminia e Timilia sono di tutti". Per questo la società ha fatto sapere che rinuncerà alle royaltis per l'utilizzo dei due marchi.

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search